I contenuti di Ferrovie in Calabria sono a disposizione di tutti, ma a condizione che, se sfruttati, siano accompagnati dall'indicazione della fonte (blog o autore dei testi/fotografie). Tutto il materiale ivi pubblicato è protetto da Copyright, perciò per evitare situazioni incresciose vi preghiamo di seguire questa piccola regola. Buon Viaggio!

• 14/10/14 • La mancanza di energia per l'alimentazione elettrica, sulla linea Paola - Cosenza, causa l'arresto improvviso di un treno nella galleria Santomarco: si è trattato della simulazione di criticità, tenutasi stanotte all'interno della lunga galleria posta sulla ferrovia Paola - Cosenza. Qui la news di ANSA Calabria • 13/10/14 • Trenitalia: a partire dal 15 ottobre verrà ripristinato il treno Regionale 22664 Reggio Calabria Centrale (11.30) - Rosarno (12.50), mentre verrà soppresso, solo nella giornata del 15 ottobre, il Regionale 22653/22654 Melito PS (6.45) - Rosarno (8.45). Qui il comunicato di Fsnewss • 04/10/14 • Si è tenuto nella giornata del 2 ottobre, l'open day alla stazione RFI di Fuscaldo, i cui ambienti non più utili ai fini dell'esercizio ferroviario, sono stati assegnati alla locale cooperativa agricola "Il Segno": prosegue quindi anche in Calabria, il programma di Rete Ferroviaria Italiana che prevede il recupero e l'affidamento a fini sociali delle stazioni parzialmente o totalmente dismesse. Qui la news • 29/09/14 • Si terra alla stazione RFI di Bova Marina, giorno 9 ottobre, un nuovo sit-in di protesta contro il declassamento della ferrovia Jonica. Clicca qui per aderire all'evento su facebook • 22/09/14 • Taglio delle stazioni sulla ferrovia Jonica: l'assessore regionale ai trasporti Luigi Fedele, scrive ad RFI per chiedere rassicurazioni sul progetto di ridimensionamento, in vista di una riorganizzazione dell'orario regionale lungo la linea Jonica. Qui il comunicato • 13/09/14 • Pubblicati sulla nostra pagina gli orari dei servizi ferroviari Ferrovie della Calabria previsti a partire dal prossimo 15.09.2014. Vedi qui • 12/09/14 • Il fabbricato viaggiatori della ormai dismessa fermata di Curinga (posta sulla linea Tirrenica tra Lamezia Terme ed Eccellente), è stato ufficialmente attribuito da RFI, ad uso gratuito del Comune. Qui la delibera del consiglio comunale • 09/09/14 • Domani, 10.09.2014, il candidato per le Regionali con il Centrosinistra Oliverio si recherà nella stazione delle Ferrovie della Calabria di Soveria Mannelli, dalla quale partirà alla volta di Catanzaro a bordo del treno 17 delle 10.25. Arrivato a Catanzaro incontrerà a via Milano i lavoratori e sindacalisti delle FC e dell'AMC di Catanzaro. Leggi qui

09 mar 2013

Ferrovie della Calabria: ancora una "palla al piede"?

Non è bastato il trasferimento delle Ferrovie della Calabria dal Ministero dei Trasporti alla Regione, per fermare le vergognose ed offensive affermazioni di Giuseppe Scopelliti, nei confronti della più importante impresa di trasporto pubblico regionale. 
Come forse ricorderanno alcuni lettori, il 29 maggio 2012, durante un'importante conferenza tenutasi a Reggio Calabria ed alla quale partecipò anche il Ministro della Coesione Territoriale Fabrizio Barca, il "nostro" Presidente della Regione, definì le Ferrovie della Calabria come una "palla al piede" per la propria amministrazione. Un triste appellativo, pesantemente e gratuitamente offensivo nei confronti di lavoratori che all'epoca dei fatti, continuavano a percepire lo stipendio con snervanti ritardi, e nei confronti di migliaia di pendolari calabresi, che tra proteste e scioperi del personale (ovviamente più che giustificati vista la situazione esasperante) hanno dovuto subire enormi disagi durante i loro spostamenti sulle linee ferroviarie a scartamento ridotto e sulle tratte servite da autoservizi. Abbiamo però pensato, con il senno di poi, che tale affermazione sia stata sì avventata, ma probabilmente provocata dalla tesa situazione di quel periodo, che non sembrava presagire nulla di buono. 
Con il completamento del trasferimento alla Regione Calabria lo scorso 31 dicembre e lo stanziamento di fondi per coprire almeno in parte gli enormi buchi di bilancio, la situazione sembra però essersi stabilizzata. Certamente c'è ancora urgente bisogno di importanti riforme all'interno dell'azienda, oltre ad una forse necessaria sostituzione di alcune cariche dirigenziali, ma certamente la via intrapresa è assolutamente promettente.
Infatti nessuno avrebbe potuto pensare che ancora una volta, con gli stessi termini, l'onorevole Scopelliti, si sarebbe permesso di definire le Ferrovie della Calabria come un inutile carrozzone ed una "palla al piede": si tratta di un'intervista mandata in onda qualche ora fa sul Tg3 della Calabria delle ore 19.30, visibile cliccando su questo link, tra il minuto 5.00 ed il minuto 7.00. Speriamo di sbagliarci, ma crediamo che in queste parole (nel caso dell'intervista odierna riferite anche ad altre aziende come la Sorical e l'AFOR) prevalga una sorta di strategia di smantellamento e disfattismo, e non certo un apertura alla fiducia ed all'investimento verso un'impresa che dovrebbe essere il fiore all'occhiello della nostra Regione. Ma questa volta vogliamo essere ancora più "cattivi", se così possiamo definirci: come può un personaggio politico che ha letteralmente mandato in rovina la città di Reggio Calabria, ormai sommersa da debiti (e spazzatura) e commissariata ad oltranza a causa di infiltrazioni mafiose , oltre ad aver ricevuto ben quattro avvisi di garanzia per illeciti di vario tipo, a parlare di Ferrovie della Calabria come "baraccone politico" e "palla al piede"? Il Presidente Scopelliti sarebbe proprio l'ultima persona a dover parlare di sprechi e sperperi!
Ammettendo però che la martoriata azienda sia in parte un "baraccone", visto che certamente gli sprechi e gli errori gestionali in questi anni non sono di certo mancati, non sarebbe forse il caso, di rimediare al più presto possibile a questi errori, piuttosto che continuare a ribadire la presunta inutilità delle FC, ed addirittura "seccatura" per la Regione Calabria? A volte viene quasi da pensare che a qualcuno una precaria situazione della nostra impresa faccia quasi comodo, aspirando magari proprio al fallimento della stessa, per rilevare per intero un'enorme rete di trasporto locale su gomma, con buona pace di quel che rimane del settore ferroviario. Non a caso, forse, qualche consorzio di autolinee è magari rimasto...scontento, dal trasferimento alla Regione Calabria dell'azienda di trasporto pubblico e quindi del salvataggio finanziario arrivato in extremis: ecco quindi spuntare ricorsi al TAR contro il provvedimento (al momento per fortuna andati a favore delle Ferrovie della Calabria), ricorsi provenienti da presunte ditte private che altro non sono che lobby del trasporto su gomma, che per anni hanno letteralmente prosciugato le casse regionali ed in particolare, ovviamente, fondi destinati al trasporto pubblico locale. Chissà per quale motivo centinaia milioni di Euro sono stati investiti per l'acquisto di nuovi autobus, in molti casi anche di dubbia utilità, piuttosto che per il rinnovo della flotta di rotabili ferroviari sia assegnati a Trenitalia per il servizio sulla rete RFI, e sia alle Ferrovie della Calabria (con l'unica eccezione dell'acquisto dei 5 complessi Stadler qualche anno fa). Sarà forse che qualcuno, da dietro le quinte, pregustava già una spartizione dei servizi delle FC? 
Mettiamo però le mani avanti, prima che eventuali lettori più "maliziosi" traggano conclusioni avventate: sicuramente il nostro Presidente Scopelliti, già abbastanza "impegnato" con i suoi avvisi di garanzia, non sarà certo una sorta di pedina di queste lobby...sicuramente le sue parole continuano a scaturire da una situazione ancora relativamente precaria. Vogliamo sperare sia così: purtroppo sappiamo bene che in Italia, ed in particolare in Calabria, ultimamente al peggio non c'è mai fine.
Prima di concludere il post, vogliamo far notare un incredibile controsenso: l'Assessore regionale ai Trasporti  Luigi Fedele, in tutte le interviste televisive e non rilasciate fino ad ora, ha soltanto vantato (e del resto anche a ragione) l'operato della Regione Calabria per quanto riguarda il trasferimento delle competenze, ed in più ha espresso l'intenzione di investire sull'azienda, ormai regionale, potenziandone i servizi e soprattutto renderla a tutti gli effetti un'impresa operante sulla rete RFI per quanto riguarda il traffico merci ed in futuro anche viaggiatori. Ultime promettenti e condivisibili dichiarazioni proprio qualche settimana fa, durante il sopralluogo nei pressi del ponte sul fiume Petrace a Gioia Tauro, legato alla possibilità di ripristino della breve tratta per Palmi delle linee Taurensi: clicca qui per vedere l'intervista.
Com'è possibile allora che per il Presidente della Regione le Ferrovie della Calabria siano una palla al piede...mentre per l'Assessore ai Trasporti siano un importante mezzo di investimento? Misteri della politica...e della Calabria.
Lasciamo i lettori alle proprie considerazioni con una sorta di appello: se l'onorevole Scopelliti, durante uno dei suoi attacchi di nervosismo, continuerà ad offendere in modo così spudorato un'azienda che va invece sostenuta con tutte le forze, proponiamo di indire due manifestazioni di lavoratori FC e pendolari a Reggio Calabria e Catanzaro, per chiedere le dimissioni di un presidente che forse ha già provocato già abbastanza danni alla nostra Calabria, mantenendo soltanto chi fino ad ora si è seriamente impegnato per il salvataggio di una realtà lavorativa e sociale, che rappresenta un pezzo di storia ed un'enorme risorsa per i nostri territori.

Unico investimento per le Ferrovie della Calabria negli ultimi anni, i cinque complessi Stadler DE M4c.

15 commenti:

Fdc ha detto...

un post veramente chiaro e diretto,attendiamo ora cosa succederà sulle taurensi dopo il sopralluogo della dirigenza,la sentenza del tar. Intanto il casello nella fermata gioia tauro est ha ricevuto la visita dei vandali ormai l'incuria regna sovrana, che dire, i privati con soldi pubblici li vedi andare su e giù per la calabria con i bus luccicanti e milionari con la scritta tutti i confort sul lunotto posteriore invece le fc si arrangiano con quello che passa il convento derise e umiliate perchè sino ad oggi nessuno della dirigenza si è fatto sentire....... difendendo l'azienda

Admin ha detto...

Che vergogna...che tristezza!
Comunque sia secondo me il fatto che la dirigenza FC fino ad ora non si sia mai fatta sentire, è proprio perchè è stata messa a tavolino gente a cui è stato detto "tieniti la poltrona e stai zitto su tutto". E' tanto semplice... :(

Anonimo ha detto...

Pur essendo daccordo con lle cose scritte nel post, devo purtroppo notare un astio di tipo POLITICO.

Se vogliamo mantenere questo blog vitale, affermazioni come la quint'ultima sono da evitare come la peste.

Se parliamo di danni causati alla regione ci sono tonnellate di politici che si sarebbero dovuti dimettere in presente e in passato. Ma non è questo il luogo adatto a tali menzioni generiche.

Vedo politici di sinistra attaccare quelli di destra per la mancata creazione dell'hub ferroviario a gioia tauro. Ma ad esempio fu l'ex ministro Burlando (sinistra) a negare per primo il denaro per la realizzazione. Inutile dire che tale signore è legato al porto di genova.

Le questioni ferroviarie legate alla politica sono vergognose ovunque le si guardi. O le menzioniamo tutte o nessuna. Nei programmi di scopelliti vi erano grandi promesse in tal senso. Se non le manterrà, pagherà certamente il prezzo delle bugie alle elezioni.

Francesco Lazzaro ha detto...

Una risposta all'ultimo commento anonimo (cortesemente FIRMATE i commenti: non cancello quest'ultimo giusto perché è scritto in italiano, che è già un passo avanti, e perché mi va di dare una risposta.)
Questo blog, posso garantire, non ha alcun orientamento politico: ognuno degli amministratori avrà sicuramente la propria idea, ma nessuno di noi si lascia andare a 'preferenze' all'atto di scrivere un articolo o post. Questo, ovviamente, non vuol dire che contestare l'operato o l'azione di un politico di una fazione significhi fare 'propaganda' per la fazione opposta: semplicemente si critica l'azione in sé, indipendentemente da chi sia stata a farla. Se c'è da criticare a destra si critica a destra, se c'è da criticare a sinistra si critica a sinistra, tutto qui. Così come al momento di riconoscere i meriti, ognuno avrà quel che gli spetta. Nel momento in cui si arriva a chiedere le dimissioni di qualcuno, proposta sicuramente 'provocatoria' e forse quasi 'esagerata', lo si fa aldilà di ogni colore politico: si critica Scopelliti perché a sbagliare, e a continuare a sbagliare, è lui; chiunque altro fosse stato a fare i suoi stessi errori, di destra o sinistra, avrebbe avuto lo stesso trattamento. Per cui, parlare degli errori 'storici' dei politici di ogni bandiera nel campo dei trasporti calabresi ha decisamente poco senso, visto che è solo nel presente che possiamo agire per poter avere qualche speranza di 'futuro'!!

Admin ha detto...

Assolutamente concordo con Francesco.

Abbiamo menzionato questa perchè è l'ultima in ordine di tempo, e se proviene da Scopelliti non è mica colpa nostra.
Poteva esserci anche Bertinotti al governo della Regione Calabria, ma se avesse detto che le Ferrovie della Calabria sono una palla al piede, il post di critica pesante l'avremmo fatto sempre e comunque.
O dovremmo per caso far finta di niente e parlare soltanto come ragazzini che fanno foto ai treni?

E comunque ribadisco, non sono accettati commenti anonimi.

Admin ha detto...

Permettimi una nota un po' cattiva: io per la verità noto, statistiche di Blogger alla mano, che Ferrovie in Calabria è molto più vitale quando si tira in ballo la politica...! Quindi, da maligno, mi verrebbe da pensare che in teoria, per "mantenere vitale il blog", questi post di critica non andrebbe evitati come la peste, ma piuttosto raddoppiati...pensa un po'!

Anonimo ha detto...

francesco, ti cito un passaggio del politicamente contaminato. Reggio sommersa dalla spazzatura. Le ipotesi sono due. Non si sa ciò che si dice..malafede.

In calabria occorreva un nuovo inceneritore(presunta panacea di tutti i mali). La giunta di sinistra per anni non decise il raddoppio a gioia tauro (orrore) tantomeno nuova sede a cosenza. Di mese in mese dissero solo bugie, mentre i lavori di raddoppio a gioia continuavano. Ho seguito personalmente la vicenda.


Scopelliti con lo stato dei lavori quasi completo, dovette cedere su gioia tauro. Diversamente...penali milionarie e tempo perso. Poi il problema dell'insolvenza verso veolia, raddoppio fermo, centinaia di comuni che per anni non pagarono quote, fallimento di pianambiente. Sono mali di origine VECCHISSIMA. Scopelliti è il terminale, non la causa.

Però di questo non si dice nulla nell'articolo. E non c'entra nulla con le ferrovie. Se diciamo di spazzatura, dobbiamo dire pure questo. Dell'hub di gioia tauro sento sempre forze sindacali di sinistra & company (spesso qui citati) fare gli eroi, mentre NULLA dissero quando fu burlando a bloccare tutto sotto prodi (sinistra)

Poi magari dimmi perchè il combustibile per l'inceneritore non viene caricato su vagoni e smaltito all'inceneritore che dista due dita dai binari e dalla zona ferroviaria del porto. DECINE di camion, con costi altissimi da cosenza e catanzaro attraversano strade malandate inquinando e sporcando.

Di questo per esempio ne possiamo parlare quanto vuoi.

Non vivo solo nella piana. Ma seguo BENE le vicende indietro nel tempo per decenni.


by PIANA

Shay Parkman ha detto...

Mia madre lavora all'impianto Veolia di Crotone (uno di quelli che manda i camion puzzolenti carichi di CDR a Gioia Tauro), so bene quindi le quantità di materiale che viene trasferito, e parlo solo dell'impianto di Crotone che da solo giustificherebbe anche l'effettuazione di un treno completo. Un treno...già, che è un'ammazzata di normative (basta solo leggere l'RMP, che rispetto all'ADR applicato ai Tir è molto ma molto più restrittivo), tant'è che in Italia il trasporto di rifiuti su ferro non è molto, se non per nulla, utilizzato. Senza contare che, oggi come oggi, nel caso di Crotone si dovrebbe compiere un giro astruso o via RC o via Paola, e che lo scalo di San Ferdinando (attualmente tagliato fuori dal servizio commerciale tra l'altro) versa in condizioni disastrose. Quindi qui c'è poco da sfangare su politicanti di questo o quello schieramento.
Tuttavia forse non hai capito uno dei punti cardine: Scopelliti ha detto una stronzata? E della stronzata detta abbiamo parlato. Pretendi che per ogni stronzata di un politicante si debbano ricordare quelle dei suoi predecessori, magari di altro schieramento? E di grazia, che razza di post verrebbero fuori, il Decameron o similari? Se vuoi un banale esempio, cerca il post della manifestazione del 16 Febbraio e le dichiarazioni di Nico Stumpo.
Poi si, sono d'accordissimo che questa dei rifiuti (come anche altre) è una situazione frutto di anni di malagestione e anche io lo riconosco, ma da qui a parlare di nostra malafede...ci vuole malafede!

P.S. Ti chiami Piana? Wow, fantasia! Non nascondiamoci dietro nomi falsi, su (il mio lo trovi nella pagina Contatti, giusto per chiarezza)..

Anonimo ha detto...

shay pretendo che ci si attenga alla specifica idiozia di cui si è parlato.

Cioè le ferrovie come palla al piede. Perchè è grave per scopelliti che parlava di trasporti come rilancio. Il resto te l'ho detto...se non è malafede, non si sa ciò che si dice.

Ma allora, lasciamo da parte quegli argomenti, perchè NON SONO ferroviari. Sono solo casinistici.

A me non serve nascondermi dietro a niente. Che poi anche questo argomento è OT. Quello che penso lo dico. Quello che si legge non lo si può negare.

Levate il politichese o quello che apparentemente sembra politichese. Dopo nessuno vi dirà più niente.

Nemmeno io che seguo questo blog da 3 anni. E se non ti basta vai a cercare nei commenti passati di uno o due anni fa. Troverai un nome similare che usavo per la faccenda delle taurensi.

by PIANA

Francesco Lazzaro ha detto...

Ammetto, Piana, che probabilmente l'esempio della spazzatura a Reggio possa essere stata una 'leggerezza'. E dico 'probabilmente' perché sono un ragazzo giovane che per forza di cose non sa i vari problemi politici di dieci o venti anni fa, soprattutto se si parla di Reggio, che non è la mia città (ma non ho scritto io il post). C'è da dire che però - probabilmente - questa cosa si sarebbe potuta 'sostituire' con altre, anche solo a livello trasportistico, di cui potrebbero essere 'incolpati' il Presidente Scopelliti e la sua giunta. Cose che ormai non serve elencare, perché fuori luogo in questo momento, e perché comunque certamente non sarebbero gli unici 'frutti' nel campo dei trasporti portati dal governo Scopelliti. Per il resto, si proverà il più possibile a fare attenzione in futuro affinché 'leggerezze' del genere vengano evitate nei post a venire.
PS: per me il nome 'Piana' va benissimo, l'importante è non scrivere senza nessun nome, perché sennò si deve rispondere agli 'anonimi', che se già diventano due si fa confusione!

Saluti!

Admin ha detto...

Io nutro seri dubbi che la causa dell'emergenza rifiuti (una delle tante emergenze...) di Reggio Calabria sia...l'inceneritore assente!!!
Il problema è che non ci sono i soldi per pagare i dipendenti della ditta incaricata di raccogliere i rifiuti, ditta che tra l'altro ne ha passate di cotte e di crude tra indagati ed inchieste varie (e guarda caso Scopelliti c'entra anche stavolta)! Che te ne fai dell'inceneritore, se poi nessuno ti raccoglie la spazzatura che dev'essere poi bruciata?
Che poi "la sinistra" non abbia voluto farlo costruire è un altro discorso, e non nego che sia stato uno sbaglio...in quel caso si tratta dei soliti pseudo-ambientalisti che dicono NO a qualunque cosa che abbia una minima parvenza industriale, fissati come sono che tutto sia inquinante. Altra brutta "razza" politica...

Admin ha detto...

Poi ribadisco, ancora una volta: ci sono stati errori spaventosi da entrambi gli schieramenti, e posso accettarlo perchè è la verità. Del resto, se così non fosse, non sarebbe venuto fuori un Grillo...

Non accetto però che uno Scopelliti, che come la sinistra (così facciamo par condicio, prima di essere linciato) ne ha combinate di cotte e di crude, si vada ad accanire contro un'azienda come le Ferrovie della Calabria. Ma per favore...un pozzo senza fondo di denaro pubblico? Ed i pozzi senza fondo che ha creato lui perchè non li menziona? O forse le FC sono uno di quei...pozzi, da cui qualche "protetto" non ci ricava nulla, o meglio ci ricaverebbe qualcosa solo dal fallimento delle stesse? Eddai...allora dovrei non scrivere questi pensieri condivisi dalla maggior parte delle persone che ci seguono, sol perchè "anche gli altri prima di Scopelliti hanno sbagliato"?
Secondo te, siccome negli anni scorsi non ho parlato dei guai combinati dalla sinistra (e mi sembra anche ovvio, visto che avevo 15 anni), oggi dovrei stare zitto per quelli di Scopelliti? Io lo trovo proprio assurdo...

Francesco Lazzaro ha detto...

Io credo che ci sia un problema di incomprensioni: quello che Piana vuole dire non è che non si deve parlare degli errori di Scopelliti, ma che non vanno cacciate fuori cose che non hanno a che fare con l'argomento trattato, soprattutto se magari possono essere non del tutto corrette, perché a questo punto diventa 'ingiusto' che si parli male 'fuori luogo' della destra su questioni che magari non dipendono esclusivamente da scelte di destra (in questo caso, ma lo stesso deve valere anche al contrario, ovviamente). Tutto qui. E finiamola qui, su! :P

Admin ha detto...

Ma le cose fuori dall'argomento trattato io le tiro fuori non per sparare gratuitamente contro Scopelliti, ma per sottolineare che è assurdo che lui parli delle FC come baraccone politico mangia-soldi, quando di baracconi lui ne ha creati altrettanti! Tutto qui...

Anonimo ha detto...

x francesco lazzaro

hai capito bene il mio pensiero. Per il resto se volete vi faccio io stesso un elenco di caxxxate lunghe come il mississipi...e tutte targate scopelliti

Io non dimentico che in campagna elettorale parlava di innovativa INTERMODALITA' e via dicendo come il vero rilancio della calabria. Tutto corretto, se non che di fatti NON SE NE SONO VISTI.

Che poi se volete vedere l'innovativa intermodalità, potete andare a polistena dove è stato costruito qualche millennio fa, il piazzale bus congiunto alla stazione fdc. O quello di gioia tauro fdc (inclusi bus)ed fs, anche se li manca il piazzale.

Evidentemente allora avevano la palla di vetro futuristica. Idee vecchie e funzionali che una politica assente e stupida non ha MAI applicato.

PS
Non so se avete visto la pagliacciata sul ponte petrace di gioia tauro (pre elezioni ovviamente) voglio proprio vedere COSA FARANNO


by PIANA

 
Il primo blog dedicato al trasporto ferroviario in Calabria...by Roberto Galati...email - msn: exp826@hotmail.it