I contenuti di Ferrovie in Calabria sono a disposizione di tutti, ma a condizione che, se sfruttati, siano accompagnati dall'indicazione della fonte (blog o autore dei testi/fotografie). Tutto il materiale ivi pubblicato è protetto da Copyright, perciò per evitare situazioni incresciose vi preghiamo di seguire questa piccola regola. Buon Viaggio!

• 14/10/14 • La mancanza di energia per l'alimentazione elettrica, sulla linea Paola - Cosenza, causa l'arresto improvviso di un treno nella galleria Santomarco: si è trattato della simulazione di criticità, tenutasi stanotte all'interno della lunga galleria posta sulla ferrovia Paola - Cosenza. Qui la news di ANSA Calabria • 13/10/14 • Trenitalia: a partire dal 15 ottobre verrà ripristinato il treno Regionale 22664 Reggio Calabria Centrale (11.30) - Rosarno (12.50), mentre verrà soppresso, solo nella giornata del 15 ottobre, il Regionale 22653/22654 Melito PS (6.45) - Rosarno (8.45). Qui il comunicato di Fsnewss • 04/10/14 • Si è tenuto nella giornata del 2 ottobre, l'open day alla stazione RFI di Fuscaldo, i cui ambienti non più utili ai fini dell'esercizio ferroviario, sono stati assegnati alla locale cooperativa agricola "Il Segno": prosegue quindi anche in Calabria, il programma di Rete Ferroviaria Italiana che prevede il recupero e l'affidamento a fini sociali delle stazioni parzialmente o totalmente dismesse. Qui la news • 29/09/14 • Si terra alla stazione RFI di Bova Marina, giorno 9 ottobre, un nuovo sit-in di protesta contro il declassamento della ferrovia Jonica. Clicca qui per aderire all'evento su facebook • 22/09/14 • Taglio delle stazioni sulla ferrovia Jonica: l'assessore regionale ai trasporti Luigi Fedele, scrive ad RFI per chiedere rassicurazioni sul progetto di ridimensionamento, in vista di una riorganizzazione dell'orario regionale lungo la linea Jonica. Qui il comunicato • 13/09/14 • Pubblicati sulla nostra pagina gli orari dei servizi ferroviari Ferrovie della Calabria previsti a partire dal prossimo 15.09.2014. Vedi qui • 12/09/14 • Il fabbricato viaggiatori della ormai dismessa fermata di Curinga (posta sulla linea Tirrenica tra Lamezia Terme ed Eccellente), è stato ufficialmente attribuito da RFI, ad uso gratuito del Comune. Qui la delibera del consiglio comunale • 09/09/14 • Domani, 10.09.2014, il candidato per le Regionali con il Centrosinistra Oliverio si recherà nella stazione delle Ferrovie della Calabria di Soveria Mannelli, dalla quale partirà alla volta di Catanzaro a bordo del treno 17 delle 10.25. Arrivato a Catanzaro incontrerà a via Milano i lavoratori e sindacalisti delle FC e dell'AMC di Catanzaro. Leggi qui

07 set 2012

Scongiurato il taglio dei collegamenti Calabria - Campania

Dati per soppressi e "resuscitati" nel giro di quattro giorni: questo il destino, per adesso abbastanza roseo, dei seguenti treni:

- Regionale Veloce 2426 Cosenza (5:45) - Napoli Centrale (10:32);
- RV 2432 Cosenza (14:50) - Napoli Centrale (19:30);
- RV 2436 Cosenza (18:25) - Napoli Centrale (22:55);
- RV 3714 Paola (11:40) - Sapri (12:52);
- RV 2430 Paola (12:53) - Napoli Centrale (17:17);
- R 12694 Paola (9:30) - Sapri (10:50);
- R 12699 Sapri (14:30) - Paola (15:50);
- RV 2435 Napoli Centrale (19:11) - Cosenza (23:32);
- RV 2429 Napoli Centrale (12:56) - Cosenza (17:30);
- RV 2427 Napoli Centrale (8:30) - Cosenza (13:15);
- RV 3449 Salerno (5:50) - Paola (9:00);
- RV 2425 Napoli Centrale (6:32) - Paola (10:45).

Si tratta dei fondamentali servizi ex Interregionali che da sempre hanno collegato direttamente la Calabria del nord (con origine e destinazione Paola e Cosenza), con il versante tirrenico della Basilicata e la Campania: fino a dicembre 2008 era presente anche un collegamento Regionale diretto tra Reggio Calabria Centrale e Napoli Centrale con partenza al mattino dallo Stretto e nel pomeriggio dal capoluogo campano. Attualmente dalla tirrenica sud l'unico collegamento diretto a tariffa regionale con la Campania è la coppia 3676/2433 Reggio Calabria Centrale - Sapri e ritorno. Ricordiamo che negli anni '90 è addirittura esistito un Diretto Cosenza - Roma Termini e vv, effettuato con vetture MDVC/MDVE!


Un diretto Roma - Paola effettuato con carrozze Medie Distanze, nel maggio del 1993.

Nelle scorse settimane, a causa delle disastrose condizioni finanziarie della Regione Campania, Basilicata e soprattutto Calabria, si è arrivati molto vicini alla soppressione di questi servizi che sarebbe avvenuta a partire dal 9 settembre. In realtà le soppressioni avrebbero interessato soltanto il tratto "calabro-lucano", visto che i treni sarebbero stati tutti limitati al tratto Napoli Centrale/Salerno - Sapri.
Per evitare il taglio, sembra che l'Assessore ai Trasporti della Regione Calabria Luigi Fedele, che immediatamente si è attivato con il suo omologo campano Sergio Vetrella per trovare una soluzione, si sia appellato ad un accordo risalente al 1998 ed ancora in vigore, che impegna la Regione Campania a mantenere i servizi ex interregionali con Basilicata e Calabria, anche grazie ad un apposito finanziamento nazionale. Accordo che è stato parzialmente adeguato agli attuali problemi economici che attanagliano le regioni in questione: infatti continueranno ad essere finanziati dalla Regione Campania quattro coppie di treni, mentre altre due verranno finanziate dalla Basilicata e dalla Calabria, che spenderà circa 700 mila Euro (anche se non è ben chiaro fino a quale periodo tali fondi copriranno i costi di effettuazione...probabilmente dicembre, fino al cambio d'orario?).

Una composizione di vetture Piano Ribassato ristrutturate della DTR Campania, in partenza da Cosenza Vaglio Lise per Napoli Centrale.

Una buona notizia quindi, che non sappiamo però quanto potrà durare. Nel frattempo infatti le condizioni economiche generali si stanno avvitando un po' in tutta Italia, ed in particolare nelle regioni del sud: a proposito di Campania, infatti, pare che l'inconcepibile chiusura del nodo ferroviario di Avellino prevista per giorno 9 (con taglio delle linee per Benevento e Mercato S.Severino, dopo la soppressione della tratta per Rocchetta S.Antonio), sia stata una scelta obbligata per mantenere inalterato il servizio sulle tratte fondamentali e ad alta frequentazione, compresi i Regionali Veloci da/per la Calabria.
Situazione sempre più paradossale anche nella nostra Regione, dove come avevamo anticipato in questo post, continua ad essere concreto il rischio di annullamento totale del residuo servizio ferroviario sulla Jonica e riduzione di quello sulla Tirrenica dal cambio d'orario di dicembre, a causa della totale assenza di fondi regionali...
E dove gli autobus circolano già, come sulla Catanzaro Lido - Lamezia Terme Centrale, i poveri viaggiatori devono anche attrezzarsi a far partire a spinta i vecchi pullman sostitutivi, degni soltanto di un'esposizione museale. Quanto manca ancora per toccare il fondo?

3 commenti:

Cirano ha detto...

guarda tu per che cosa si deve lottare!!!

Fdc ha detto...

il paradosso, si paga il biglietto per spingere il bus sostitutivo davvero disastroso, allora con il cambio d'orario c'è da aspettarsi il peggio.

Admin ha detto...

Sembrerebbe che nei pressi del ponte di Marcellinara qualcosa si stia muovendo...non ci sono più i binari appesi nel vuoto.
Speriamo finisca presto questo calvario! :(

 
Il primo blog dedicato al trasporto ferroviario in Calabria...by Roberto Galati...email - msn: exp826@hotmail.it