I contenuti di Ferrovie in Calabria sono a disposizione di tutti, ma a condizione che, se sfruttati, siano accompagnati dall'indicazione della fonte (blog o autore dei testi/fotografie). Tutto il materiale ivi pubblicato è protetto da Copyright, perciò per evitare situazioni incresciose vi preghiamo di seguire questa piccola regola. Buon Viaggio!

• 14/10/14 • La mancanza di energia per l'alimentazione elettrica, sulla linea Paola - Cosenza, causa l'arresto improvviso di un treno nella galleria Santomarco: si è trattato della simulazione di criticità, tenutasi stanotte all'interno della lunga galleria posta sulla ferrovia Paola - Cosenza. Qui la news di ANSA Calabria • 13/10/14 • Trenitalia: a partire dal 15 ottobre verrà ripristinato il treno Regionale 22664 Reggio Calabria Centrale (11.30) - Rosarno (12.50), mentre verrà soppresso, solo nella giornata del 15 ottobre, il Regionale 22653/22654 Melito PS (6.45) - Rosarno (8.45). Qui il comunicato di Fsnewss • 04/10/14 • Si è tenuto nella giornata del 2 ottobre, l'open day alla stazione RFI di Fuscaldo, i cui ambienti non più utili ai fini dell'esercizio ferroviario, sono stati assegnati alla locale cooperativa agricola "Il Segno": prosegue quindi anche in Calabria, il programma di Rete Ferroviaria Italiana che prevede il recupero e l'affidamento a fini sociali delle stazioni parzialmente o totalmente dismesse. Qui la news • 29/09/14 • Si terra alla stazione RFI di Bova Marina, giorno 9 ottobre, un nuovo sit-in di protesta contro il declassamento della ferrovia Jonica. Clicca qui per aderire all'evento su facebook • 22/09/14 • Taglio delle stazioni sulla ferrovia Jonica: l'assessore regionale ai trasporti Luigi Fedele, scrive ad RFI per chiedere rassicurazioni sul progetto di ridimensionamento, in vista di una riorganizzazione dell'orario regionale lungo la linea Jonica. Qui il comunicato • 13/09/14 • Pubblicati sulla nostra pagina gli orari dei servizi ferroviari Ferrovie della Calabria previsti a partire dal prossimo 15.09.2014. Vedi qui • 12/09/14 • Il fabbricato viaggiatori della ormai dismessa fermata di Curinga (posta sulla linea Tirrenica tra Lamezia Terme ed Eccellente), è stato ufficialmente attribuito da RFI, ad uso gratuito del Comune. Qui la delibera del consiglio comunale • 09/09/14 • Domani, 10.09.2014, il candidato per le Regionali con il Centrosinistra Oliverio si recherà nella stazione delle Ferrovie della Calabria di Soveria Mannelli, dalla quale partirà alla volta di Catanzaro a bordo del treno 17 delle 10.25. Arrivato a Catanzaro incontrerà a via Milano i lavoratori e sindacalisti delle FC e dell'AMC di Catanzaro. Leggi qui

15 set 2012

Rossano: la presa del treno perduto!

Come avevamo anticipato nelle nostre news alcuni giorni fa, si è tenuto stamattina, alla stazione di Rossano, il sit-in simpaticamente denominato "La presa del treno perduto", organizzato dal movimento Terra e Popolo. Tante associazioni e comuni cittadini riuniti per protestare contro l'annoso degrado che caratterizza il trasporto ferroviario in Calabria, ed in particolare, ovviamente, la linea Jonica, privata di tutti i servizi a lunga percorrenza, servita da pochi treni Regionali effettuati quasi esclusivamente con singole automotrici ALn668 e con prospettive future decisamente poco incoraggianti.

Alle 11:00 la stazione ferroviaria era già gremita da un cospicuo gruppo di cittadini, che dopo aver atteso il Regionale 3727 Metaponto - Catanzaro Lido giunto alle 12, hanno occupato i binari per circa un'ora e mezza: anche i viaggiatori a bordo dell'automotrice si sono associati alla protesta, assieme alle già presenti associazioni Collettivo P2 Occupata dell’Unical, Unione degli Studenti di Corigliano, i cittadini della Associazione Skatakatascia di Francavilla, cittadini dell’alto ionio e di Castrovillari, l'Associazione Le Lampare, l’Arci di Crotone, il movimento Adesso Basta, e l’Associazione Italia Prima.

Un'iniziativa forte alla quale noi di Ferrovie in Calabria ci associamo totalmente, con la prospettiva di partecipare attivamente ad eventuali prossime manifestazioni.

Riportiamo di seguito parte del comunicato pubblicato sul blog del movimento:


Quella di stamattina è l’unica “prima pietra” reale posta sul nostro territorio, dopo tutte le prime pietre fantasma poste da una classe dirigente distante anni luce dai bisogni della comunità: dagli ospedali alle ferrovie, ai tribunali, alle strade...

Una prima pietra posta dalla popolazione, una prima pietra che significa l’inizio di una lunga mobilitazione per i nostri diritti, l’inizio di una presa di coscienza delle nostre comunità.

Questo è solo l’inizio. Non ci fermeremo fino a quando gli ultrapagati dirigenti delle ferrovie e dirigenti politici, responsabili di questo sfacelo, non saranno costretti ad esaudire le nostre richieste:

1. La restaurazione delle tratte a lunga percorrenza

2. La riapertura delle stazioni e dei servizi annesi

3. Il riequilibrio del sistema ferroviario nazionale con un piano di investimento sulle ferrovie del sud ed in particolare della fascia ionica.

Questo significa anche nuovi posti di lavoro, non per supportare torri di babele industriali, ma per offrire servizi al territorio. Questo signifia avere i servizi che la nostra terra merita. Questo significa sviluppo reale del nostro territorio e valorizzazione delle nostre risorse.

Questo è solo l’inizio.






Buone notizie anche sul fronte della class-action contro Trenitalia, promossa dall'avvocato Bianca Gerace, ed alla quale nei giorni scorsi hanno aderito il comune di Brancaleone e di Gerace: a breve verranno seguiti da quelli di Monasterace, Roccella Jonica, Grotteria e Portigliola, Benestare, San Giovanni di Gerace e Martone.
Ottima iniziativa, senza però mai dimenticare che gran parte delle mancanze per quanto riguarda il trasporto regionale sulla linea Jonica, sono state causate proprio dalla Regione Calabria negli scorsi anni (al momento sembra in vista un piccolo cambiamento di tendenza), e non direttamente da Trenitalia. Ricordiamo infatti che Trenitalia, essendo un'impresa che offre servizi di trasporto pubblico dietro finanziamento, non può sicuramente "fare beneficenza" mantenendo un livello di servizio medio-alto, se i costi di gestione non sono coperti adeguatamente da enti pubblici (Stato o Regione).

3 commenti:

AlexMos ha detto...

Ah però che bella presenza di persone a Rossano (l'ho sempre detto che rispetto a Corigliano stanno un mondo avanti, li secondo me nemmeno si sono accorti che hanno tolto i treni)...

Admin ha detto...

...e non se ne sono accorti neanche nella "civilissima città turistica" di Soverato, da qualche anno precipitata nel provincialismo e nell'inedia più totale!!
Sono stato felicissimo quando ho visto a Rossano così tante persone protestare per i propri diritti...non sembra neanche Calabria!

fra.laz ha detto...

La cosa bella e buona, è invece secondo me che a partecipare e soprattutto ad organizzare siano stati tanti giovani. Giovani che dalle mie parti non sanno nemmeno che i treni non ci stanno più x_x

 
Il primo blog dedicato al trasporto ferroviario in Calabria...by Roberto Galati...email - msn: exp826@hotmail.it