I contenuti di Ferrovie in Calabria sono a disposizione di tutti, ma a condizione che, se sfruttati, siano accompagnati dall'indicazione della fonte (blog o autore dei testi/fotografie). Tutto il materiale ivi pubblicato è protetto da Copyright, perciò per evitare situazioni incresciose vi preghiamo di seguire questa piccola regola. Buon Viaggio!

• 14/10/14 • La mancanza di energia per l'alimentazione elettrica, sulla linea Paola - Cosenza, causa l'arresto improvviso di un treno nella galleria Santomarco: si è trattato della simulazione di criticità, tenutasi stanotte all'interno della lunga galleria posta sulla ferrovia Paola - Cosenza. Qui la news di ANSA Calabria • 13/10/14 • Trenitalia: a partire dal 15 ottobre verrà ripristinato il treno Regionale 22664 Reggio Calabria Centrale (11.30) - Rosarno (12.50), mentre verrà soppresso, solo nella giornata del 15 ottobre, il Regionale 22653/22654 Melito PS (6.45) - Rosarno (8.45). Qui il comunicato di Fsnewss • 04/10/14 • Si è tenuto nella giornata del 2 ottobre, l'open day alla stazione RFI di Fuscaldo, i cui ambienti non più utili ai fini dell'esercizio ferroviario, sono stati assegnati alla locale cooperativa agricola "Il Segno": prosegue quindi anche in Calabria, il programma di Rete Ferroviaria Italiana che prevede il recupero e l'affidamento a fini sociali delle stazioni parzialmente o totalmente dismesse. Qui la news • 29/09/14 • Si terra alla stazione RFI di Bova Marina, giorno 9 ottobre, un nuovo sit-in di protesta contro il declassamento della ferrovia Jonica. Clicca qui per aderire all'evento su facebook • 22/09/14 • Taglio delle stazioni sulla ferrovia Jonica: l'assessore regionale ai trasporti Luigi Fedele, scrive ad RFI per chiedere rassicurazioni sul progetto di ridimensionamento, in vista di una riorganizzazione dell'orario regionale lungo la linea Jonica. Qui il comunicato • 13/09/14 • Pubblicati sulla nostra pagina gli orari dei servizi ferroviari Ferrovie della Calabria previsti a partire dal prossimo 15.09.2014. Vedi qui • 12/09/14 • Il fabbricato viaggiatori della ormai dismessa fermata di Curinga (posta sulla linea Tirrenica tra Lamezia Terme ed Eccellente), è stato ufficialmente attribuito da RFI, ad uso gratuito del Comune. Qui la delibera del consiglio comunale • 09/09/14 • Domani, 10.09.2014, il candidato per le Regionali con il Centrosinistra Oliverio si recherà nella stazione delle Ferrovie della Calabria di Soveria Mannelli, dalla quale partirà alla volta di Catanzaro a bordo del treno 17 delle 10.25. Arrivato a Catanzaro incontrerà a via Milano i lavoratori e sindacalisti delle FC e dell'AMC di Catanzaro. Leggi qui

18 mag 2012

Foto dal passato (n.23 - maggio 2012)

In questo mese di maggio l'appuntamento con la Foto dal passato farà probabilmente "saltare dalla sedia" tanti lettori di Ferrovie in Calabria, specie quelli reggini!

A quasi un anno dalla dismissione definitiva, infatti, faremo due salti indietro nel tempo, alla stazione di Reggio Calabria Marittima. Il primo sarà decisamente lungo, perchè torneremo agli anni '80, nel pieno dell'esercizio regolare di questo strategico impianto, oggi vergognosamente dismesso. Nella fotografia in basso, gentilmente inviataci da Pierangelo Marchese, possiamo ammirare parte del piano dei binari di stazione invaso da carri merci di vario tipo in sosta (ovviamente di tipo antiquato serie F, FF, pianali tipo P ecc.), probabilmente in attesa di essere imbarcati sui traghetti: è possibile infatti notarne uno a tre binari attraccato. Due lunghe teorie di carri a due assi tipo E sono visibili sui due binari sullo sfondo, adiacenti al molo. Probabilmente venivano anche effettuati trasbordi di merce, specialmente pietrisco ed altri materiali granulosi, tra le chiatte ed i treni o viceversa: l'intermodalità di cui oggi tanto si parla (e rimane solo sulla carta), all'epoca era una realtà ben consolidata, prima dell'abbandono totale alla mafia della gomma.
Una curiosità: i treni merci che percorrevano la ferrovia Jonica, provenienti dall'Adriatica e da Bari/Brindisi/Taranto e diretti in Sicilia o viceversa, venivano traghettati proprio a Reggio Calabria Marittima, per non sovraccaricare gli imbarchi di Villa San Giovanni, specializzati nei merci e soprattutto nei tanti treni viaggiatori Sicilia-Nord che percorrevano la Tirrenica. Ancora oggi infatti, come visibile in questo post, è ancora presente ed in discrete condizioni il ponte mobile che permetteva di caricare/scaricare i vagoni dai traghetti. Sempre negli anni '80, per brevi periodi, l'Espresso notturno Villa San Giovanni-Reggio Calabria-Bari Centrale via Jonica, aveva come origine e destinazione Catania e Palermo in base ai vari anni, e come per i treni merci, percorreva il tratto marino con il traghetto da Messina a Reggio Calabria Marittima.
Oggi al posto dei cinque binari pieni di carri è presente un vasto parcheggio, e l'edificio della biglietteria del servizio di aliscafi Metromare. E' durato fino alla fine soltanto il binario di raccordo verso il ponte mobile, affogato nell'asfalto ma presente, probabilmente per motivi strategici, oltre ai 3 binari di stazione, quelli dello scalo merci ed i due lunghi tronchini (dove sono presenti i carri E nella foto) sul molo. Ma purtroppo, la possibilità di rivedere mezzi su rotaia in questo impianto, è svanita nella notte tra il 29 ed il 30 giugno dello scorso anno...


Grazie all'amico Pietro Rizzo ed alle sue bellissime fotografie, invece, ci riavviciniamo ai giorni nostri, precisamente al 18 giugno del 2007. All'epoca Reggio Calabria Marittima sopravviveva come raccordo merci, e più volte alla settimana veniva raggiunta da un merci composto da carri Gabs ed a pareti scorrevoli tipo H di vario tipo, proveniente da Lecco Maggianico, per trasporto di acqua minerale ed altri prodotti alimentari. Il convoglio, arrivato a Reggio Calabria Centrale in trazione elettrica, nonostante la breve tratta per Reggio Mare fosse elettrificata, veniva preso in consegna da una delle ultime D345 assegnate alla Divisione Cargo della Calabria, o più raramente da una D445 presa in service dalla Divisione Trasporto Regionale o Passeggeri, ed inviato alla stazione Marittima in regime di interruzione di servizio fino alla diramazione posta a Reggio Lido. Una volta giunto, il lungo convoglio veniva diviso in più tronconi, spinti poi sui quattro binari dello scalo merci affinché venissero scaricati. In queste tre bellissime fotografie si respira un'atmosfera davvero di altri tempi, con i binari già invasi dalle sterpaglie, ma sui quali nonostante tutto la volenterosa D345 1032, in un'impeccabile livrea originaria, continuava a farsi strada, per le ultime manovre fino alle soglie del 2008...




Per saperne di più sulla storia e sull'ingiusta fine di Reggio Calabria Marittima, consigliamo la lettura di questi post che abbiamo pubblicato negli ultimi due anni:

2 commenti:

Giovanni Tessitore ha detto...

Bell'Articolo!

Ciao
Giovanni
www.stazionidelmondo.it

Admin ha detto...

Grazie Giovanni!!!!!!!
A presto!!!!! :D

 
Il primo blog dedicato al trasporto ferroviario in Calabria...by Roberto Galati...email - msn: exp826@hotmail.it