I contenuti di Ferrovie in Calabria sono a disposizione di tutti, ma a condizione che, se sfruttati, siano accompagnati dall'indicazione della fonte (blog o autore dei testi/fotografie). Tutto il materiale ivi pubblicato è protetto da Copyright, perciò per evitare situazioni incresciose vi preghiamo di seguire questa piccola regola. Buon Viaggio!

• 14/10/14 • La mancanza di energia per l'alimentazione elettrica, sulla linea Paola - Cosenza, causa l'arresto improvviso di un treno nella galleria Santomarco: si è trattato della simulazione di criticità, tenutasi stanotte all'interno della lunga galleria posta sulla ferrovia Paola - Cosenza. Qui la news di ANSA Calabria • 13/10/14 • Trenitalia: a partire dal 15 ottobre verrà ripristinato il treno Regionale 22664 Reggio Calabria Centrale (11.30) - Rosarno (12.50), mentre verrà soppresso, solo nella giornata del 15 ottobre, il Regionale 22653/22654 Melito PS (6.45) - Rosarno (8.45). Qui il comunicato di Fsnewss • 04/10/14 • Si è tenuto nella giornata del 2 ottobre, l'open day alla stazione RFI di Fuscaldo, i cui ambienti non più utili ai fini dell'esercizio ferroviario, sono stati assegnati alla locale cooperativa agricola "Il Segno": prosegue quindi anche in Calabria, il programma di Rete Ferroviaria Italiana che prevede il recupero e l'affidamento a fini sociali delle stazioni parzialmente o totalmente dismesse. Qui la news • 29/09/14 • Si terra alla stazione RFI di Bova Marina, giorno 9 ottobre, un nuovo sit-in di protesta contro il declassamento della ferrovia Jonica. Clicca qui per aderire all'evento su facebook • 22/09/14 • Taglio delle stazioni sulla ferrovia Jonica: l'assessore regionale ai trasporti Luigi Fedele, scrive ad RFI per chiedere rassicurazioni sul progetto di ridimensionamento, in vista di una riorganizzazione dell'orario regionale lungo la linea Jonica. Qui il comunicato • 13/09/14 • Pubblicati sulla nostra pagina gli orari dei servizi ferroviari Ferrovie della Calabria previsti a partire dal prossimo 15.09.2014. Vedi qui • 12/09/14 • Il fabbricato viaggiatori della ormai dismessa fermata di Curinga (posta sulla linea Tirrenica tra Lamezia Terme ed Eccellente), è stato ufficialmente attribuito da RFI, ad uso gratuito del Comune. Qui la delibera del consiglio comunale • 09/09/14 • Domani, 10.09.2014, il candidato per le Regionali con il Centrosinistra Oliverio si recherà nella stazione delle Ferrovie della Calabria di Soveria Mannelli, dalla quale partirà alla volta di Catanzaro a bordo del treno 17 delle 10.25. Arrivato a Catanzaro incontrerà a via Milano i lavoratori e sindacalisti delle FC e dell'AMC di Catanzaro. Leggi qui

01 mag 2011

Gomma, gomma ed ancora gomma!

Dopo una breve pausa di riflessione, i nostri amati politici tornano a colpire con le loro dannose iniziative anti-ferrovia. E' notizia di pochi giorni fa l'acquisizione da parte del Comune di Reggio Calabria dell'area occupata dall'ormai abbandonato scalo merci della stazione di Reggio Calabria Marittima. Il progetto prevede di trasformare l'intero piazzale in un mega parcheggio per automobili ed autobus, che secondo chi ha avuto questa felice idea, dovranno collegare il porto (che verrà completamente aperto al traffico veicolare!) con la zona dell'aeroporto ed il resto della Calabria tramite le ben note autolinee foraggiate dalla Regione.

Perchè l'iniziativa è assolutamente ridicola, inutile, dispendiosa e controproducente per la Città dello Stretto? Prima di tutto riteniamo sia sbagliato affidare i collegamenti pubblici tra la zona portuale e quella aeroportuale alla gomma: il Comune di Reggio Calabria ha notato che esiste una stazione chiamata Reggio Calabria Mare, che si collega alla ferrovia tirrenica a Reggio Calabria Lido, e potrebbe venire utilizzata come capolinea di eventuali treni metropolitani su Melito di Porto Salvo? Il Comune di Reggio Calabria ha notato che la ferrovia Jonica passa a poche centinaia di metri dall'aeroporto, e che basterebbe istituire una semplice fermata dotata di due marciapiedi per dare un servizio ferroviario all'aerostazione?

In una regione governata da persone intelligenti da Reggio Calabria Mare verrebbe istituito un treno Regionale da Melito per ogni partenza di aliscafo, ed uno in partenza per ogni arrivo da Messina, dando così la possibilità ai viaggiatori diretti verso lo Jonio di trovare un treno diretto almeno fino a Melito, oppure con cambio a Reggio Calabria Centrale un treno verso Rosarno/Tropea/Lamezia Terme, o Roccella/Catanzaro/Crotone. Invece in Calabria si preferisce caricare i pendolari del mare su un comunque comodo e frequente autobus dell'ATAM, che però rispetto al treno è molto più lento! Senza contare le miriadi di autolinee a media percorrenza dirette verso lo Jonio o il Tirreno, che partono dal piazzale antistante all'imbarco degli aliscafi!

Voi lettori giustamente penserete: istituire un nuovo servizio metropolitano ferroviario di questi tempi non è molto facile, vista l'attuale situazione finanziaria nazionale, e sicuramente un servizio di bus navetta costa molto di meno. E' anche vero. Ma noi vi dimostriamo ancora una volta la politica anti-ferroviaria che vige nella nostra Regione. Supponiamo di abbandonare l'ipotesi dei treni a Reggio Calabria Marittima: a poche centinaia di metri si trova la stazione di Reggio Calabria Santa Caterina, posta sulla ferrovia per Rosarno-Lamezia. Questa è in servizio regolare, si trova a ridosso delle banchine del porto ed a poche centinaia di metri dall'imbarco degli aliscafi: peccato che non sia possibile alcun tipo di interscambio ferrovia-mare, visto che la stazione è separata dal porto da un muraglione di quasi quattro metri! Allora a questo punto ci chiediamo: ma se il comune di Reggio Calabria ha avuto l'idea di impestare di auto ed autobus l'area portuale, perchè non ha avuto l'idea di installare una semplicissima ed economica scaletta, anche in ferro, per permettere ai viaggiatori scesi dal treno di raggiungere il porto e viceversa? Questa è una vera e propria dichiarazione di guerra al trasporto ferroviario, e soprattutto una dichiarazione di guerra ai cittadini calabresi che hanno voglia di vivere in un ambiente meno inquinato ed intasato dalle solite scatolette gommate, ed in una regione meno collusa con criminalità organizzata e pseudo-imprenditori di quartiere. Prima di chiudere il post ricordiamo che a giorni si terranno le votazioni per la Provincia di Reggio Calabria: dovrebbe essere dovere di tutti protestare contro questi quotidiani insulti alla popolazione, e per questo il nostro consiglio è quello di annullare le schede elettorali in segno di disprezzo verso questa casta politica che sta distruggendo la nostra terra.

L'ex area(circa 3000 mq) dello scalo merci di Reggio Calabria Marittima, che verrà trasformata in mega parcheggio. A parte la questione legata al trasporto viaggiatori, dismettere definitivamente lo scalo significa perdere un'occasione per ripristinare il traffico merci ferroviario: portare i carri merci praticamente fin dentro la città significherebbe decine di tir in meno nelle trafficate vie reggine, sostituiti da piccoli furgoni dedicati alla distribuzione delle merci dallo scalo alle attività commerciali. Ma siamo in Calabria, non in Svizzera...

Il fabbricato viaggiatori di Reggio Calabria Marittima, tra l'altro anche ristrutturato (ne abbiamo già parlato qua:http://ferrovieincalabria.blogspot.com/2010/10/perche.html)... oltre al danno la beffa!


L'autentica muraglia cinese che blocca l'interscambio tra la ferrovia ed i servizi marittimi: perchè nessuno ha mai pensato a far installare una semplice scaletta? La risposta si trova sulla sinistra della foto...

9 commenti:

Roberto ha detto...

Da decenni i nostri amministratori regionali favoriscono il trasporto su gomma per motivi personali che si possono solo immaginare senza che nessuno abbia mai pensato di indagare in merito. Lo stato trasferisce i fondi per il trasporto regionale alla regione e poi gli amministratori regionali, compreso Scopelliti, scaricano nei comizi la colpa a trenitalia per i treni tagliati. Inoltre più alti sono i costi dei lavori e più grande è la "torta" da spartire!

Admin ha detto...

Purtroppo è la pura e unica verità: per questo il mio consiglio è quello di punire questi pseudo-politici nostrani annullando le schede elettorali!!!!Solo così impareranno, FORSE...

FdC ha detto...

e' una vergogna con un piccolo investimento reggio avrebbe potuto avere la ferrovia collegata al porto cittadino (aliscafi in primis)e all'aereoporto,invece che si fa' si punta a smantellare la cara ferrovia a favore di atam e company sprecando soldi pubblici e così facendo di conseguenza si aumenta anche il traffico cittadino.La regione calabria da marzo 10 ha snobbato il ferro (FS,FC) a favore del gommato privato che cresce a dismisura. ma non e' meglio acquistare dei nuovi treni regionali e potenziare le linee calabresi?il 15/16 non si vota politici attaccatevi al tram anzi al bus!!!!!!!!!!!!!!!!

Admin ha detto...

Bisogna prendere esempio di quello che si sta facendo per esempio in Puglia e Lombardia: lì si sta puntando massivamente al trasporto ferroviario, e non c'è politica che tenga, visto che sono due regioni governate da due schieramenti opposti: questo dimostra che quando si ha a che fare con persone e politici seri, si bada prima a ciò che è utile al cittadino, all'ambiente ed alle generazioni future!!!!!

Cosa che in Calabria non succede, perciò concordando con FdC, SCHEDE ANNULLATE!!! Puniamo questi LADRI che pretendono di "governarci"!!!!

fra.laz ha detto...

Non votare sarebbe una punizione se tutti lo facessero.. quindi credo che serva a poco in realtà. Ovviamente tutti sanno come va la politica e per questo tutti dovremmo rifiutarci di far salire al governo le solite facce dalle tante promesse mai avverate, ma a questo punto - purtroppo - è bene che si voti anche solo per scegliere "il minore tra i mali" :S (o anche, eventualmente, per avere diritto a lamentarsi!)

Admin ha detto...

Ciccio ma infatti non bisogna "non votare", ma andare a votare ed annullare la scheda!!!
Se su una popolazione di 100 persone 90 annullano la scheda sarebbe la volta buona che i politici se la farebbero sotto sul serio, e forse inizierebbero a lavorare seriamente!!
Ma quando sanno di contare sui voti per questo o quel favore, o sui voti perchè sono parenti e cavolate varie, continueremo sempre così...
A parte che è inutile votare perchè tanto in Calabria l'unica cosa a governare è la ndrangheta...quindi ad un certo punto che voto a fare? Nè più e nè meno degli ex stati affiliati all'URSS, dove si poteva votare ma tanto i candidati erano tutti dello stesso stampo e servivano solo per abbindolare il popolo! Cambia lo schieramento e l'ideale politico (o meglio anti-politico), ma il concetto è sempre quello!

FdC ha detto...

ragazzi in puglia come nel resto d'italia si investe sul tema ferroviario, nuove linee veloci ,nuovi treni e infastruttura potenziata, in calabria cosa si e' fatto ? la regione a speso qualche euro per il ferro sia fs sia fc? sono curioso di vedere quando si fara' il pendolo a cz e la metro a cs,e come la regione interverra' sulla crisi fc(se interverra')!!! LA REGIONE sino adesso a pensato solo al gommato privato foraggiandoli a dismisura.Ecco perche' bisogna andare a votare e annullare la scheda in modo da far capire ai politici che siamo stanchiiiiii!!

Shay Parkman ha detto...

Prendiamo picu e pala e andiamo a fare la scaletta a Santa Caterina!

Admin ha detto...

Vittò, scherzi!! Per sfregio la comprerei io una scaletta smontabile, e di notte andrei a montarla!!! L'unico ostacolo forse è un pezzetto di recinzione della muraglia cinese da abbattere!!!

 
Il primo blog dedicato al trasporto ferroviario in Calabria...by Roberto Galati...email - msn: exp826@hotmail.it