I contenuti di Ferrovie in Calabria sono a disposizione di tutti, ma a condizione che, se sfruttati, siano accompagnati dall'indicazione della fonte (blog o autore dei testi/fotografie). Tutto il materiale ivi pubblicato è protetto da Copyright, perciò per evitare situazioni incresciose vi preghiamo di seguire questa piccola regola. Buon Viaggio!

• 14/10/14 • La mancanza di energia per l'alimentazione elettrica, sulla linea Paola - Cosenza, causa l'arresto improvviso di un treno nella galleria Santomarco: si è trattato della simulazione di criticità, tenutasi stanotte all'interno della lunga galleria posta sulla ferrovia Paola - Cosenza. Qui la news di ANSA Calabria • 13/10/14 • Trenitalia: a partire dal 15 ottobre verrà ripristinato il treno Regionale 22664 Reggio Calabria Centrale (11.30) - Rosarno (12.50), mentre verrà soppresso, solo nella giornata del 15 ottobre, il Regionale 22653/22654 Melito PS (6.45) - Rosarno (8.45). Qui il comunicato di Fsnewss • 04/10/14 • Si è tenuto nella giornata del 2 ottobre, l'open day alla stazione RFI di Fuscaldo, i cui ambienti non più utili ai fini dell'esercizio ferroviario, sono stati assegnati alla locale cooperativa agricola "Il Segno": prosegue quindi anche in Calabria, il programma di Rete Ferroviaria Italiana che prevede il recupero e l'affidamento a fini sociali delle stazioni parzialmente o totalmente dismesse. Qui la news • 29/09/14 • Si terra alla stazione RFI di Bova Marina, giorno 9 ottobre, un nuovo sit-in di protesta contro il declassamento della ferrovia Jonica. Clicca qui per aderire all'evento su facebook • 22/09/14 • Taglio delle stazioni sulla ferrovia Jonica: l'assessore regionale ai trasporti Luigi Fedele, scrive ad RFI per chiedere rassicurazioni sul progetto di ridimensionamento, in vista di una riorganizzazione dell'orario regionale lungo la linea Jonica. Qui il comunicato • 13/09/14 • Pubblicati sulla nostra pagina gli orari dei servizi ferroviari Ferrovie della Calabria previsti a partire dal prossimo 15.09.2014. Vedi qui • 12/09/14 • Il fabbricato viaggiatori della ormai dismessa fermata di Curinga (posta sulla linea Tirrenica tra Lamezia Terme ed Eccellente), è stato ufficialmente attribuito da RFI, ad uso gratuito del Comune. Qui la delibera del consiglio comunale • 09/09/14 • Domani, 10.09.2014, il candidato per le Regionali con il Centrosinistra Oliverio si recherà nella stazione delle Ferrovie della Calabria di Soveria Mannelli, dalla quale partirà alla volta di Catanzaro a bordo del treno 17 delle 10.25. Arrivato a Catanzaro incontrerà a via Milano i lavoratori e sindacalisti delle FC e dell'AMC di Catanzaro. Leggi qui

28 nov 2010

Foto dal passato (n.7 - novembre 2010)

Mentre il mondo intero in queste ore è in subbuglio in attesa della pubblicazione di scottanti documenti top secret che potrebbero sconvolgere gli equilibri internazionali, anche noi ci sentiamo in dovere di "sconvolgere" un pò gli animi dei lettori con qualche foto, legata ad una curiosità ferroviaria calabrese sconosciuta ai più...!



Ci troviamo nello scalo merci della stazione di Catanzaro Lido, giorno 18 luglio 2005: all'epoca i due binari per il carrellamento non erano ancora stati "occupati" dai mezzi dell'impresa Francesco Ventura, e sporadicamente capitava di vedere qualche carro in sosta, solitamente di servizio per trasporto pietrisco o rotaie. Ormai treni merci regolari non ne giungevano più dal 2002, ma lo scalo rimase comunque attivo per eventuali treni "straordinari"...uno di questi era(ed è!) un incredibile Senigallia-Catanzaro Lido, solitamente composto da due carri G (indifferentemente Gbs, Gbhs o Gabs), per trasporto di materiale di casermaggio per la Polizia Ferroviaria. Un paio di carri quindi venivano scaricati a Catanzaro Lido, mentre altri due-tre nientedimeno che a Roccella Jonica! Ma la notizia sconcertante è che ancora oggi il merci esiste, anche se non si sa bene con quale periodicità: certo è che per ben due volte i carri di questo treno "fantasma" sono stati fotografati a luglio: a Catanzaro Lido il 18 luglio, mentre nella foto sotto sono ripresi nel piccolo scalo merci di Roccella Jonica, l'11 luglio del 2007:
Purtroppo dal 2007 i carri non si sono più fatti vedere(almeno a luglio, poi non si sa bene negli altri periodi...), ma fatto sta che il supersiste mercino jonico ancora esiste negli orari ufficiali...perciò cari amici appassionati, state sempre in guardia con le macchine fotografiche!

14 commenti:

DjFeal ha detto...

per questo stanno rifacendo l'armamento in tutte le stazioni..ci deve passare quel merci ahahaha :)

lizard

Peppe FSE MF-TA ha detto...

Io cmq sarei dell' idea che Catanzaro Lido dovrebbe diventare un piccolo hub per il traffico passeggeri sulla Jonica, mentre a Crotone andrebbe risistemato lo scalo merci, collegandolo al porto in modo da renderlo un punto di riferimento per tutta la fascia Jonica, ma ribadisco una cosa: il governo ha appena sbandierato ai 4 venti che portera' a termine la costruzione del ponte sullo stretto e ha stanziato dei fondi per l' AV Napoli-Bari prolungandola su Lecce e Taranto, pura utopia; iniziamo a migliorare le ferrovie come la Jonica, i parlamentari calabresi dormono, cosa aspettano a chiedere al ministro Fitto l' immediato stanziamento di denaro atiingendo ai fondi FAS per l' elettrificazione del tratto Melito-Sibari e della trasversale Catanzaro Lido-Lamezia, eliminando immediatamente i numerosi rallentamenti che affliggono le due tratte, questa si che sarebbe una cosa sensata. I lavori pero' dovrebbero essere eseguiti con un piglio diverso e con costi non gonfiati ad arte come successo per l' inutile variante di Settingiano.

Admin ha detto...

Concordo con Peppe...Crotone è stato un peccato assurdo chiuderla al traffico merci: bastavano SOLO le barbabietole nei periodi di raccolta, che generavano minimo un trenazzo al giorno in doppia trazione simmetrica...senza contare poi le tradotte di biomasse per Strongoli che avevano origine/termine corsa a Crotone e poi inviate a Strongoli come interruzione di servizio...insomma, non si parla di traffico merci generato da un tipo di industria pesante in declino, ma merci generate da materie prime per alimentari(barbabietole) e come combustile per centrali elettriche (biomasse)...è un INSULTO mandare a spasso decine e decine di TIR...ma del resto lo sappiamo bene che l'Italia è la patria della mafia su gomma... :'(

Admin ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Ho sentito dire di possibili aggiunte o modifiche di orari di treni regionali sulla ionica nel prossimo orario....attendiamo conferme...

fra.laz ha detto...

Beh, qualche modifica è d'obbligo vista l'introduzione della coppia di ICN che comunque "scombussola" in qualche modo anche il traffico regionale, o meglio, SOLO il traffico regionale -.-

Peppe FSE MF-TA ha detto...

L' altra sera Mauro Moretti intervenendo ad una trasmissione su LA7, ha dichiarato che il 75% delle linee ferroviarie italiane hanno un problema, ossia che per quasi tutto il giorno i treni viaggiano vuoti, perche' in parallelo corre il bus, che invece dovrebbe integrare il servizio ferroviario, ed e' proprio il caso della Jonica; ben venga la razionalizzazione dei servizi, ma a fronte di un miglioramento della qualita'offerta, quindi meno treni ma con composizioni irrobustite, e bus fuori dai piazzali degli scali per i servizi integrati. Moretti ha ragione, basta foraggiare le autolinee e l' autotrasporto, meglio dividersi i compiti, a beneficiarne di tutto cio' sarebbero i cittadini in primis, poi anche le FS, le autolinee e l' autotrasporto. Daccordo sulla sua apertura riguardo gli scali merci, se le regioni vorranno tenerli aperti, dovranno contribuire economicamente.

Shay Parkman ha detto...

In Lombardia i treni S -o almeno la S5 che a luglio scorso ho imparato a conoscere a memoria- sono da considerarsi pieni quasi solo nelle ore di punta e nessuno dice niente. Qui ci sono certi treni che viaggiano vuoti perchè viaggiano in tratte ed orari in cui non hanno motivo di essere pieni (vedi 3742 da Lido in su). Per non parlare del "mio" 3736, che partendo come ultimo regionale alle 19.35 lascia a piedi (o meglio, regala a Romano e autoservizi Ferrovie della Calabria) i pendolari che da Catanzaro escono per le 19.30/20.00 e si dirigono verso la costa jonica a nord. Motivo per cui il vecchio Exp35454, partente alle 20.05, alle volte riempiva un bel pò nel tratto Catanzaro Lido - Crotone.
Piuttosto, una bella indagine dell'Antimafia sui vari Romano e Federico non farebbe male..

Comunque sia, si parlava di un paio di coppie Crotone - Lamezia, finalmente. Oltre a ciò, spero che il 3731, che oggi si sovrapporrebbe al nuovo 782 (partendo 10 minuti dopo ed arrivando 5 minuti prima.. :S) venga posticipato più che cancellato, dato che in quest'ultimo caso rovinerebbe letteralmente la vita a decine di studenti crotonesi..

Peppe FSE MF-TA ha detto...

Confermati i TA-CZ e TA-CS; Roberto credo sia arrivato il momento di creare un post sul nuovo orario che entrera' in vigore il 12 dicembre prossimo, la gente deve sapere dell' istituzione del treno Reggio-Roccella-Milano/Torino via Adriatica, e delle soppressioni delle antenne joniche per Roma che saranno sostituite con bus; cosa ne dite di una raccolta firme da presentare al sig. Scopelliti per richiedere che i suddetti bus vengano convertiti in treni reg. che ripercorrano la stessa traccia delle antenne sostituite?

fra.laz ha detto...

VERGOGNA! VERGOGNA! VERGOGNA!
Posso capire il 953-954, posso capire il 981 e vv, ma 890 e 893 assolutamente ingiustificato! Almeno ad assemblare e a far fare giri di cavolo..ma così proprio no..ho davvero tanta voglia di piangere, è stato un brutto risveglio stamattina :'(

Shay Parkman ha detto...

Raccolta firme SUBITO!

E subito a casa Orsomarso! Le solite promesse della destra.. -.-

Bruce ha detto...

Nuovo servizio autobus in jonica sud fino a lamezia terme in coincidenza all'espresso notturno per roma termini e per bari centrale così come in senso contrario (con orari da paura). Dire che la situazione è paradossale è poco, vorrei sapere come mai le ferrovie ora viaggiano anche su strada....

Admin ha detto...

E' un disastro ragazzi, un disastro totale...se non fosse per il "nuovo" ICN a quest'ora la jonica sarebbe una linea praticamente chiusa.
Ci vuole rivolta, è l'unica soluzione.

Peppe FSE MF-TA ha detto...

Attenzione Robe' che non ci mettono nulla a togliere dal 24 gennaio l' ICN 782/782, voci di corridoio parlano di una chiusura totale da Melito a Sibari e della trasversale Catanzaro-Lamezia entro due anni, un po' come hanno fatto per la Gela-Canicatti', spariti tutti i treni e sostituiti con bus. A vostra disposizione per qualsiasi iniziativa, purche' sia costruttiva, occupare binari e autostrade non serve, andiamo da Scopelliti e dai suoi compari.

 
Il primo blog dedicato al trasporto ferroviario in Calabria...by Roberto Galati...email - msn: exp826@hotmail.it