I contenuti di Ferrovie in Calabria sono a disposizione di tutti, ma a condizione che, se sfruttati, siano accompagnati dall'indicazione della fonte (blog o autore dei testi/fotografie). Tutto il materiale ivi pubblicato è protetto da Copyright, perciò per evitare situazioni incresciose vi preghiamo di seguire questa piccola regola. Buon Viaggio!

• 14/10/14 • La mancanza di energia per l'alimentazione elettrica, sulla linea Paola - Cosenza, causa l'arresto improvviso di un treno nella galleria Santomarco: si è trattato della simulazione di criticità, tenutasi stanotte all'interno della lunga galleria posta sulla ferrovia Paola - Cosenza. Qui la news di ANSA Calabria • 13/10/14 • Trenitalia: a partire dal 15 ottobre verrà ripristinato il treno Regionale 22664 Reggio Calabria Centrale (11.30) - Rosarno (12.50), mentre verrà soppresso, solo nella giornata del 15 ottobre, il Regionale 22653/22654 Melito PS (6.45) - Rosarno (8.45). Qui il comunicato di Fsnewss • 04/10/14 • Si è tenuto nella giornata del 2 ottobre, l'open day alla stazione RFI di Fuscaldo, i cui ambienti non più utili ai fini dell'esercizio ferroviario, sono stati assegnati alla locale cooperativa agricola "Il Segno": prosegue quindi anche in Calabria, il programma di Rete Ferroviaria Italiana che prevede il recupero e l'affidamento a fini sociali delle stazioni parzialmente o totalmente dismesse. Qui la news • 29/09/14 • Si terra alla stazione RFI di Bova Marina, giorno 9 ottobre, un nuovo sit-in di protesta contro il declassamento della ferrovia Jonica. Clicca qui per aderire all'evento su facebook • 22/09/14 • Taglio delle stazioni sulla ferrovia Jonica: l'assessore regionale ai trasporti Luigi Fedele, scrive ad RFI per chiedere rassicurazioni sul progetto di ridimensionamento, in vista di una riorganizzazione dell'orario regionale lungo la linea Jonica. Qui il comunicato • 13/09/14 • Pubblicati sulla nostra pagina gli orari dei servizi ferroviari Ferrovie della Calabria previsti a partire dal prossimo 15.09.2014. Vedi qui • 12/09/14 • Il fabbricato viaggiatori della ormai dismessa fermata di Curinga (posta sulla linea Tirrenica tra Lamezia Terme ed Eccellente), è stato ufficialmente attribuito da RFI, ad uso gratuito del Comune. Qui la delibera del consiglio comunale • 09/09/14 • Domani, 10.09.2014, il candidato per le Regionali con il Centrosinistra Oliverio si recherà nella stazione delle Ferrovie della Calabria di Soveria Mannelli, dalla quale partirà alla volta di Catanzaro a bordo del treno 17 delle 10.25. Arrivato a Catanzaro incontrerà a via Milano i lavoratori e sindacalisti delle FC e dell'AMC di Catanzaro. Leggi qui

29 mar 2010

Taglio treni. Tavolo istituzionale a Roma con i sindacati

Da http://www.fastferrovie.it/

A seguito delle numerose azioni di protesta, non ultima quella del 23 marzo 2010 tenutasi in Reggio Calabria stazione FS a cui è succeduta l’occupazione virtuale dell’ufficio produzione di Trenitalia, si è registrata un’importante apertura da parte parlamentare. Infatti, dopo un incontro, tenutosi nella stessa giornata con l’On. Nino Foti componente Commissione Trasporti, lo stesso, facendosi portavoce delle istanze rappresentate dalla delegazione sindacale composta dalle OO.SS. FILT Laganà Pasquale-FIT Giuseppe Larizza –UILT Pino Bartolo e Giovanni Itri-ORSA Francesco Piazza e Domenico Dalmazio –UGL Plutino Donato-FASTFerrovie Vincenzo Rogolino, ha proposto e ottenuto un tavolo interistituzionale presso il Ministero dei Trasporti Roma dove, oltre agli organi di Governo Nazionale, saranno presenti le organizzazione sindacali Calabresi e la Dirigenza Generale di Trenitalia. All’ordine del giorno la Vertenza Calabria e i tagli ai treni. L’incontro si terrà entro la fine del mese.Inoltre seguirà una interrogazione Parlamentare urgente sull’intera questione il cui primo firmatario è l’On. Nino Foti.

Speriamo che la situazione si risolva nel migliore dei modi, per lo meno con il ripristino dei due treni almeno per l'estate imminente...anche se sappiamo bene che i nostri InterCity notte avevano un'ottima frequentazione anche nei periodi "di morbida". Cogliamo l'occasione per porgere un augurio al neo presidente della Regione Calabria Giuseppe Scopelliti, con la speranza che venga fuori qualcosa di buono rispetto alle due precedenti e disastrose amministrazioni di Chiaravalloti e Loiero...se la situazione non dovesse cambiare continueremo a farci sentire, stavolta MOLTO più forte di prima. Regione avvisata...mezza salvata!

14 commenti:

Anonimo ha detto...

Benissimo le ultime parole scritte dell'articolo,non dobbiamo mollare, andare oltre dove ci sentiranno per d'avvero, ma io engo assai per il nostro pitagora.
Ma in realtà dobbiamo insistere per i nostri treni degli anni settana, ottanta.
Ci sentiremo ancora.
saluti

Admin ha detto...

Grazie per l'appoggio!!! :D
Comunque secondo me, visti gli orari, i tempi migliori per la Jonica sono stati gli anni '90, con un picco massimo nel 1997...negli anni '70-'80 come servizio regionale eravamo messi veramente male, mentre i treni a lunga percorrenza...mamma mia che disastro!!Addirittura classificati Locali(Accelerati prima) da Lamezia a Reggio con fermate in tutte le stazioni!!!
Tutta un'altra cosa il traffico merci, che ha avuto il massimo splendore proprio negli anni '70 ed '80...negli anni '90 era ormai irrimediabilmente in calo...generavano traffico merci solo Cz Lido, Cz Sala(fino al 99 se non sbaglio) e Crotone...Sibari non è mai decollata come traffico merci :S
Ciaoooo!!!

Peppe FSE MF-TA ha detto...

Torno con piacere a scrivere qui, dopo un mese di assenza a causa dei numerosi impegni lavorativi e professionali, in cui non ho potuto toccare alcuna tastiera di computer; Robe', ma lo sai che il tuo blog e' conosciuto anche a Villa Patrizi? Comunque Trenitalia ha promesso che pubblicizzera'a mezzo di lovcandine in tutte le stazioni della jonica sud il prolungamento a Reggio Calabria della Freccia Adriatica e della Freccia del Levante, bisogna fare in modo che i due treni non siano un flop; comunque i due exp. romani della jonica, subiranno delle trasformazioni con l' entrata in vigore dell' orario estivo.

fra.laz ha detto...

Noo! Non ci posso credere!! Addirittura a Piazza della Croce Rossa?!! Incredibile!! E come ci è arrivato?? :P
Per i prolungamenti non so che dire..la vedo contemporaneamente come una tragedia e un successo: un successo perchè così si ritroverebbero finalmente i collegamenti con la Puglia dalla Jonica Sud...ma una tragedia per i collegamenti col Nord! Un abitante di Melito o Brancaleone arriverebbe a Milano dopo 18 ore di viaggio, contro le 16 del Campanella, che erano già tante! Certo..meglio di niente! :S Un altro punto sfavorevole è che comunque i due treni sia in senso pari che in senso dispari viaggiano molto vicini come orario..e questo è uno svantaggio per quanto riguarda il collegamento con la Puglia in quanto somiglierebbe alla furbata di quell'ex-espresso chiamato 913 -.-

Altra cosa: che si risolve collegando la jonica sud al Nord via Bari anziché via Lamezia? Non si sono mica eliminate le grandi manovre di Catanzaro Lido, visto che comunque anche a Taranto e Bari questi treni avranno inversioni e agganci vari..e in ogni caso a Lamezia e Catanzaro Lido il personale di manovra resta perchè ce n'è ancora necessità...Mah..

E poi, i Romani?? che fine faranno? Spero che le modifiche siano in meglio visto che entrambi i treni impiegano almeno due ore di troppo per reggiungere la loro destinazione! Aspetto - con tanta ansia - delucidazioni a riguardo (sperando, come sempre, in qualcosa di buono!).

Peppe FSE MF-TA ha detto...

Onestamente hai ragione, sia riguardo alle tracce ravvicinate sia al lungo giro che si sorbiranno gli abitanti della jonica sud per raggiungere il nord, ma proviamo a guardare il bicchiere mezzo pieno l'obiettivo adesso sara' quello di accorciare il piu' possibile la traccia e le fermate dell' ICN Levante, che secondo i nostri piani dovrebbe arrivare a destinzione non superando di molto i tempi di percorrenza del Campanella. Non dimentichiamoci che la jonica sud pero', sara' ben collegata direttamente con tutta la litoranea adriatica. Per i romani appena ci sara' la certezza al 100% sulle modifiche vi faro' sapere. Riguardo a Bari e Taranto, li le manovre si fanno gia',non c'e' bisogno di aggiungere altri costi, mentre a Lamezia e Catanzaro verranno presto eliminate, cosi come a Sibari e Metaponto. Buona Pasqua a tutti voi.

Admin ha detto...

Grazie Peppe e bentornato!!!!!!Ci mancava la tua presenza su Ferrovie in Calabria!!! :'(
Come ho già scritto altrove, sono felicissimo del ritorno dei collegamenti con Milano e Torino, e comunque concordo con te sul fatto di vedere il bicchiere mezzo pieno! Diciamo che il problema per gli orari sarebbe più che altro in senso dispari, mentre in senso pari non ci sarebbero grandi disagi, specialmente per la Freccia Adriatica, che per fare un esempio, passerebbe dalla Locride e da Monasterace/Soverato tra le 16 e le 17, orario tutto sommato ancora proponibile...io ricordo il 908 quando ancora era su Reggio, e credimi che tantissimi viaggiatori lo usavano per andare a Torino, nonostante ci fosse comunque l'ICN766!!
Secondo me l'idea è più che buona...con qualche lavoretto sulle tracce potrebbero diventare degli ottimi treni anche in Jonica sud!In particolare la Freccia del LEvante dispari, che attualmente parte da Milano alle 23:00, se la si riuscisse ad anticipare di un'ora (o max un'ora e mezza), assieme ad un sistemazione della traccia, potrebbe arrivare in Jonica centrale/sud in orario ancora accettabile!
Ciaooooo!!!!!!

Peppe FSE MF-TA ha detto...

Faro' il possibile, anche perche' a Villa Patrizi hanno preso atto dei dati da me presentati riguardo l' incremento del traffico passeggeri sui notturni della direttrice adriatica, e mi hanno detto che rivaluteranno in futuro questo tipo di servizio cercando di migliorarne la qualita' dei servizi offerti e la pulizia del materiale attualmente in dotazione, accorciandone le tracce; chiaramente io li ho invitati a rivedere le loro scelte scriteriate riguardo le tracce extralarge dei treni siciliani, in modo che in futuro possano diventare nuovamente appetibili sia alla clientela sicula che calabrese dato che loro hanno voluto unificare le due regioni sui notturni.A presto!

fra.laz ha detto...

Si elimineranno le manovre sia a Cz Lido che a Sibari..uhmm...e quindi il 953/954 non avrà più origine a Cz Lido?? (perchè se resta originato qui i manovratori ci devono essere comunque, e sempre nella fascia oraria degli ex-ICN via Lamezia..) E l'IC Sila?? Che fine farà?? Anche lui ora manovra a Sibari..verrà modificato?

Peppe FSE MF-TA ha detto...

Appena la notizia sara' certa al 100% vi faro' sapere; comunque vi posso dire che dei due notturni jonici romani ne restera' solo 1, mentre Cosenza avra' un diurno per Roma che avra' origine dal capoluogo Silano.

fra.laz ha detto...

Ottimo...un'ottima rovina! E magari lasciano solo il 954..così mi faccio 5 ore di viaggio in più per arrivare a Roma.. -.- e mettere un diurno diretto da Cosenza preannuncia quindi la limitazione qui del Sila? Mah..continuo a sperare bene..

Peppe FSE MF-TA ha detto...

Per Cosenza stanno pensando ad un collegamento con ES, per l' exp. tutto dipende dalla sorte che avra' la sez. da Lecce/Brindisi/Taranto.

Admin ha detto...

Io avevo questo presentimento...chissà che non prolunghino a Reggio anche il 953/954...ovviamente, però, andrebbe anticipata la partenza da Roma...perchè già arriva a Catanzaro Lido un bel pò tardino!

Admin ha detto...

...ed inoltre non possono mica lasciare il 953/954 soltanto con tre miseri posti a sedere!

Peppe FSE MF-TA ha detto...

Sarebbe un suicidio fare jonica sud-Roma via Metaponto, questo e' poco ma sicuro. Staremo a vedere,
Buona Pasqua a tutti.

 
Il primo blog dedicato al trasporto ferroviario in Calabria...by Roberto Galati...email - msn: exp826@hotmail.it