I contenuti di Ferrovie in Calabria sono a disposizione di tutti, ma a condizione che, se sfruttati, siano accompagnati dall'indicazione della fonte (blog o autore dei testi/fotografie). Tutto il materiale ivi pubblicato è protetto da Copyright, perciò per evitare situazioni incresciose vi preghiamo di seguire questa piccola regola. Buon Viaggio!

• 14/10/14 • La mancanza di energia per l'alimentazione elettrica, sulla linea Paola - Cosenza, causa l'arresto improvviso di un treno nella galleria Santomarco: si è trattato della simulazione di criticità, tenutasi stanotte all'interno della lunga galleria posta sulla ferrovia Paola - Cosenza. Qui la news di ANSA Calabria • 13/10/14 • Trenitalia: a partire dal 15 ottobre verrà ripristinato il treno Regionale 22664 Reggio Calabria Centrale (11.30) - Rosarno (12.50), mentre verrà soppresso, solo nella giornata del 15 ottobre, il Regionale 22653/22654 Melito PS (6.45) - Rosarno (8.45). Qui il comunicato di Fsnewss • 04/10/14 • Si è tenuto nella giornata del 2 ottobre, l'open day alla stazione RFI di Fuscaldo, i cui ambienti non più utili ai fini dell'esercizio ferroviario, sono stati assegnati alla locale cooperativa agricola "Il Segno": prosegue quindi anche in Calabria, il programma di Rete Ferroviaria Italiana che prevede il recupero e l'affidamento a fini sociali delle stazioni parzialmente o totalmente dismesse. Qui la news • 29/09/14 • Si terra alla stazione RFI di Bova Marina, giorno 9 ottobre, un nuovo sit-in di protesta contro il declassamento della ferrovia Jonica. Clicca qui per aderire all'evento su facebook • 22/09/14 • Taglio delle stazioni sulla ferrovia Jonica: l'assessore regionale ai trasporti Luigi Fedele, scrive ad RFI per chiedere rassicurazioni sul progetto di ridimensionamento, in vista di una riorganizzazione dell'orario regionale lungo la linea Jonica. Qui il comunicato • 13/09/14 • Pubblicati sulla nostra pagina gli orari dei servizi ferroviari Ferrovie della Calabria previsti a partire dal prossimo 15.09.2014. Vedi qui • 12/09/14 • Il fabbricato viaggiatori della ormai dismessa fermata di Curinga (posta sulla linea Tirrenica tra Lamezia Terme ed Eccellente), è stato ufficialmente attribuito da RFI, ad uso gratuito del Comune. Qui la delibera del consiglio comunale • 09/09/14 • Domani, 10.09.2014, il candidato per le Regionali con il Centrosinistra Oliverio si recherà nella stazione delle Ferrovie della Calabria di Soveria Mannelli, dalla quale partirà alla volta di Catanzaro a bordo del treno 17 delle 10.25. Arrivato a Catanzaro incontrerà a via Milano i lavoratori e sindacalisti delle FC e dell'AMC di Catanzaro. Leggi qui

07 set 2014

Foto dal Passato (n°51 - Settembre 2014)

Forse mai come in questo periodo di grave "magrezza" dei servizi ferroviari calabresi, l'appuntamento con le "Foto dal Passato" che stiamo introducendo, risulta azzeccato e decisamente nostalgico.
Le due bellissime immagini inviateci dall'amico Gianni Siclari, infatti, ci riportano indietro nel tempo di circa quindici anni: un'eternità, almeno dal punto di vista del trasporto ferroviario nella nostra regione.
Non essendo in possesso, purtroppo, di una precisa data di scatto, noi di Ferrovie in Calabria siamo in ogni caso riusciti a contestualizzare le due fotografie in un periodo compreso tra il 1998 ed il 2001: ci troviamo in una stazione di Roccella Jonica totalmente diversa da quella che tutti noi oggi conosciamo. Nel 2014 avremo sicuramente un fabbricato viaggiatori molto più gradevole ed elegante rispetto a quello di 15 anni fa, a seguito della pesante ristrutturazione eseguita tra il 2006 ed il 2009, ma tutto il panorama di servizi e curiosità ferroviarie della fine degli anni '90, appartiene ormai irrimediabilmente ai ricordi.
L'immagine che più colpirà gli appassionati, e che ci ha aiutato a risalire più o meno agli anni di scatto delle fotografie, è quella che ritrae i tre dipendenti delle Ferrovie dello Stato, che di lì a poco sarebbero divenuti (o forse lo erano già da qualche mese!) personale di Trenitalia, la società di trasporto del gruppo FS. Società nata dalla "frammentazione" della grande azienda autonoma di Stato, già divenuta società per azioni ad inizio anni '90, creata assieme ad RFI (Rete Ferroviaria Italiana, gestore dell'infrastruttura), Italferr (società di progettazione del gruppo FS) ed in seguito altre sotto-società che si sarebbero occupate - e si occupano - del patrimonio immobiliare ferroviario.
I tre ferrovieri si trovano in buona compagnia di una composizione di carrozze MDVC, con in primo piano la vettura pilota per trazione diesel, che ancora rivestivano la solare livrea Navetta, seppur già dotata di nuovi loghi FS con i colori XMPR. Nuovi colori e nuovi loghi anche sulle divise del personale.

Carrozza pilota MDVC a Roccella Jonica.
Una parentesi felice per la nostra linea Jonica, il cui servizio regionale era ormai stabilizzato a buoni livelli di qualità e frequenza, se paragonato a quello odierno, ormai ridotto ai minimi termini. 
Sarebbe stato impensabile, quindici anni fa, effettuare un treno Regionale da Reggio Calabria Centrale a Catanzaro Lido, o peggio da Sibari a Reggio Calabria, con un'automotrice ALn668, adatta esclusivamente a percorsi brevi. 
Una dotazione di circa 60 carrozze per Medie Distanze a Vestiboli Paracentrali, che con i loro ampi spazi di incarrozzamento e aree viaggiatori a salone, garantivano un eccezionale comfort e rapidità di esercizio con alti flussi di pendolari, permetteva la copertura di gran parte del servizio regionale in tutta la Calabria. In particolare, dalla bozza dei turni lineari ed occorrenza materiale di giugno 2001, rileviamo che sulla Jonica, nei giorni feriali, circolassero ben 7 composizioni con vetture MDVC e relativa pilota, trainate/spinte dalle locomotive diesel D445 di seconda e terza serie "navetta".
Nello specifico, erano presenti le seguenti composizioni: 

- 3 da quattro vetture (3 seconda classe, una mista prima/seconda classe, una pilota);
- 2 da sei vetture (4 seconda classe, una mista prima/seconda classe, una pilota);
- 2 da tre vetture (1 seconda classe, una mista prima/seconda classe, una pilota).

La composizione da sei carrozze venivano utilizzate principalmente sulla tratta Reggio Calabria Centrale - Roccella Jonica e viceversa, dimostrando chiaramente quale fosse la mole di traffico pendolare che si serviva del trasporto ferroviario tra la locride, il reggino jonico e Reggio Calabria. 
In particolare, la prima composizione seguiva la seguente turnazione:


-Reg. 12712 Reggio C. C.le (05.15) - Lamezia Terme C.le via Cz Lido (10.05);
-Reg. 12717 Lamezia Terme C.le (11.08) - Reggio C. C.le via Cz Lido (16.25);
-Reg. 3750 Reggio C. C.le (17.15) - Roccella Jonica (19.25).



La seconda composizione invece rimaneva limitata alla tratta Reggio - Roccella e vv, e "girava" ovviamente in stretto collegamento con la prima, in due diverse giornate:

-Reg. 12711 Roccella Jonica (05.03) - Reggio C. C.le (07.42);
-Reg. 12716 Reggio C. C.le (11.57) - Roccella Jonica (14.22);
-Reg. 3747 Roccella Jonica (16.23) - Reggio C. C.le (18.55).


Non meno interessante anche la turnazione (in tre giornate) delle tre composizioni da cinque carrozze. 
In particolare, ogni composizione, nella seconda giornata di turno andava ad effettuare i seguenti "virtuosismi":

-Reg. 3739 Catanzaro Lido (04.38) - Villa San Giovanni (08.22) via Roccella Jonica;
-Reg. 8545 Villa S.G. (08.52) - Reggio C.C.le (09.15);
-Reg. 12718 Reggio C. C.le (13.25) - Brancaleone (14.45);
-Reg. 12719 Brancaleone (16.06) - Reggio C. C.le (17.37);

Un piccolo esempio di come il trasporto su rotaia venisse strutturato per venire incontro alle necessità dell'utenza pendolare (studentesca e lavorativa), e quindi di come si basasse il servizio più per "bacino d'utenza" che per cadenzamento, molto spesso poco utile, in particolare se impostato con basse frequenze...come accade al giorno d'oggi. 
Probabilmente un ritorno al passato, seppur con i grandi limiti odierni (finanziari e di materiale rotabile), potrebbe portare una piccola "rinascita" della linea Jonica. Riteniamo sia infatti necessario puntare nuovamente a servire i bacini d'utenza in quelle aree ed in quelle fasce orarie dove necessario, magari anche sacrificando determinati treni che continuano a circolare, magari con scarsa frequentazione, solo per coerenza con uno scarno cadenzamento che ormai non serve più a nessuno. Solo così, probabilmente, si riuscirebbe a recuperare materiale per garantire un maggiore numero di posti a sedere (specie con l'utilizzo di automotrici ALn663 ed ALn668 3100, che permettono la circolazione di tre unità in comando multiplo, senza necessità di doppio macchinista) in quei treni dove l'utenza è letteralmente "fuggita" negli ultimi anni, proprio a causa della riduzione delle composizioni.
Ma sicuramente un ritorno in Calabria di un piccolo contingente di carrozze MDVC con vetture pilota TD, ancora oggi potrebbe rappresentare per la linea Jonica un fattore di rilancio e di modernità, nonostante si tratti di materiale rotabile ormai non recentissimo. 
Di certo l'utenza che quotidianamente si sposta su tratte superiori ai 60 km, noterebbe immediatamente il diverso comfort di marcia e di vivibilità interna, rispetto ad una rumorosa automotrice di quasi 40 anni fa: ma nel 2014, come ribadiamo costantemente, i treni ed i servizi non piovono più da quella "mamma Stato" che ormai è stata spremuta fino a renderla anoressica. Le pressioni mediatiche e politiche per richiedere non chissà quale servizio futuristico, ma semplicemente una piccola parte di tutto ciò che era la norma 15 anni fa, vanno indirizzate verso una Regione Calabria che per troppo tempo ha investito esclusivamente (e molto spesso in modo poco chiaro ed insensato) sul trasporto gommato.
Concludiamo il post con una seconda fotografia di Gianni Siclari, sempre scattata a Roccella Jonica: a fare da quinta al gruppetto di personale FS, notiamo una teoria di carri aperti a carrelli di tipo Eaos e similari, oltre ad altri carri merci non ben identificati ancor più a distanza. 
Cosa ci facessero lì, rimarrà probabilmente un "mistero", poichè lo scalo merci di Roccella Jonica, e non di meno tutti quelli della fascia jonica (ad eccezione di Catanzaro Lido, Crotone, Sibari e Siderno fino al 1998), era ormai già stati disabilitati da alcuni anni. 
Ricordi di una ferrovia che sapeva ancora stupire ed incuriosire ogni giorno...

Foto di gruppo con carri Eaos sullo sfondo.

1 commento:

Luca Pisconti ha detto...

Uno dei materiali da 6 vetture effettuava una coppia di diretti Reggio Calabria Centrale-Catanzaro Lido e viceversa e se non erro anche un Reggio Calabria Centrale-Lamezia Terme Centrale e viceversa.

 
Il primo blog dedicato al trasporto ferroviario in Calabria...by Roberto Galati...email - msn: exp826@hotmail.it