I contenuti di Ferrovie in Calabria sono a disposizione di tutti, ma a condizione che, se sfruttati, siano accompagnati dall'indicazione della fonte (blog o autore dei testi/fotografie). Tutto il materiale ivi pubblicato è protetto da Copyright, perciò per evitare situazioni incresciose vi preghiamo di seguire questa piccola regola. Buon Viaggio!

• 14/10/14 • La mancanza di energia per l'alimentazione elettrica, sulla linea Paola - Cosenza, causa l'arresto improvviso di un treno nella galleria Santomarco: si è trattato della simulazione di criticità, tenutasi stanotte all'interno della lunga galleria posta sulla ferrovia Paola - Cosenza. Qui la news di ANSA Calabria • 13/10/14 • Trenitalia: a partire dal 15 ottobre verrà ripristinato il treno Regionale 22664 Reggio Calabria Centrale (11.30) - Rosarno (12.50), mentre verrà soppresso, solo nella giornata del 15 ottobre, il Regionale 22653/22654 Melito PS (6.45) - Rosarno (8.45). Qui il comunicato di Fsnewss • 04/10/14 • Si è tenuto nella giornata del 2 ottobre, l'open day alla stazione RFI di Fuscaldo, i cui ambienti non più utili ai fini dell'esercizio ferroviario, sono stati assegnati alla locale cooperativa agricola "Il Segno": prosegue quindi anche in Calabria, il programma di Rete Ferroviaria Italiana che prevede il recupero e l'affidamento a fini sociali delle stazioni parzialmente o totalmente dismesse. Qui la news • 29/09/14 • Si terra alla stazione RFI di Bova Marina, giorno 9 ottobre, un nuovo sit-in di protesta contro il declassamento della ferrovia Jonica. Clicca qui per aderire all'evento su facebook • 22/09/14 • Taglio delle stazioni sulla ferrovia Jonica: l'assessore regionale ai trasporti Luigi Fedele, scrive ad RFI per chiedere rassicurazioni sul progetto di ridimensionamento, in vista di una riorganizzazione dell'orario regionale lungo la linea Jonica. Qui il comunicato • 13/09/14 • Pubblicati sulla nostra pagina gli orari dei servizi ferroviari Ferrovie della Calabria previsti a partire dal prossimo 15.09.2014. Vedi qui • 12/09/14 • Il fabbricato viaggiatori della ormai dismessa fermata di Curinga (posta sulla linea Tirrenica tra Lamezia Terme ed Eccellente), è stato ufficialmente attribuito da RFI, ad uso gratuito del Comune. Qui la delibera del consiglio comunale • 09/09/14 • Domani, 10.09.2014, il candidato per le Regionali con il Centrosinistra Oliverio si recherà nella stazione delle Ferrovie della Calabria di Soveria Mannelli, dalla quale partirà alla volta di Catanzaro a bordo del treno 17 delle 10.25. Arrivato a Catanzaro incontrerà a via Milano i lavoratori e sindacalisti delle FC e dell'AMC di Catanzaro. Leggi qui

06 lug 2013

Ferrovia Jonica e Catanzaro Lido - Lamezia: in corso i rilievi per l'elettrificazione

Non si tratta questa volta di un pesce d'aprile! 

Come avranno potuto notare i lettori più fedeli di Ferrovie in Calabria, da qualche mese si continua a discutere sulla possibile elettrificazione della linea Catanzaro Lido - Lamezia Terme Centrale, protagonista di numerose discussioni tra il Sindaco del Capoluogo Sergio Abramo, ed i dirigenti regionali di RFI e Trenitalia.  
Come ribadito infatti dal primo cittadino catanzarese, una valutazione sull'utilità nel mettere sotto tensione l'importante tratta trasversale, non può non prendere in considerazione l'esistenza o meno di sostanziali riduzioni dei tempi di percorrenza tra i due capilinea, al momento decisamente elevati.
Allo stato attuale, infatti, la tratta viene percorsa dai pochi regionali superstiti con cadenzamento biorario, in ben 50 minuti, a causa del rallentamento presente sul ponte provvisorio posto tra le stazioni di Marcellinara ed il posto di movimento di Feroleto Antico - Pianopoli. Tempi che tornano quasi ad avvicinarsi a quelli esistenti fino al 14 giugno 2008, quando ancora era in servizio la vecchia tratta passante per Catanzaro Sala...in realtà più lenta, ma decisamente più funzionale rispetto all'attuale variante, posta a chilometri di distanza dal centro cittadino. 
Un'eventuale elettrificazione, quindi, premesso che nonostante il rallentamento le tracce orarie sono riducibili di circa 5 minuti, potrebbe portare al massimo ad una riduzione dei tempi di percorrenza di non più di 7-8 minuti...sempre se effettivamente si inizino ad utilizzare convogli elettrici, principalmente a composizione bloccata (ALe582 o meglio Minuetto elettrico), decisamente più scattanti rispetto alle ormai anziane ALn668 serie 1000. Ma vista la scarsità di materiale rotabile appartenente alla Divisione Trasporto Regionale calabrese, riteniamo sia quasi impossibile garantire in trazione elettrica tutte e 7 le attuali coppie di treni che percorrono la tratta. 
Del resto, se ciò non avviene sulla ben più frequentata tratta metropolitana Melito di Porto Salvo - Rosano, dove le automotrici continuano a farla da padrone, con i noti problemi di sovraffollamento...

A nostro parere, inoltre, sarebbe uno spreco investire centinaia di milioni di euro per elettrificare un percorso (Settingiano - Lamezia Terme Centrale), ancora allo stato originario, soggetto a costanti problemi di dissesto idrogeologico, e non di meno, come già sottolineato, "azzoppato" dalla presenza di un ponte provvisorio metallico! Forse sarebbe più utile unire agli eventuali lavori di elettrificazione, una serie di interventi di rettifica di alcuni tratti, con piccole varianti, e ricostruzione in forma definitiva del ponte di Marcellinara, sempre che non esistano reali intenzioni di costruzione di un tracciato ex-novo da Settingiano fino al capolinea tirrenico, percorrendo la valle di Maida, con proseguimento/diramazione da/per l'Aeroporto.
Escludendo però questa ipotesi al giorno d'oggi decisamente fantascientifica, che tra l'altro andrebbe ad escludere i bacini d'utenza di Marcellinara e Nicastro/Sambiase, con i "piccoli" interventi sopracitati, ci si potrebbe avvicinare ai 30 minuti di percorrenza, anche con possibilità di aggiunta della fermata di Settingiano...tempi assolutamente competitivi con i circa 20-25' che si impiegheranno via gomma, quando sarà definitivamente completata la trasversale stradale a scorrimento veloce tra Catanzaro e Lamezia Terme.
Dando perciò per scontato che i tempi vadano necessariamente ridotti in un modo o nell'altro, facciamo però notare che la Catanzaro Lido - Lamezia Terme Centrale va anche osservata in un'ottica a più lunga percorrenza da/per la Jonica: un eventuale Roccella Jonica/Soverato - Lamezia o Crotone - Lamezia, anche con una percorrenza di circa 45 minuti sul tratto trasversale, vincerebbe senza dubbio sul vettore stradale. Basti pensare che via gomma soltanto il tratto Soverato - Catanzaro Lido richiede tempi di almeno 20 minuti, traffico permettendo, a differenza degli 11-12 del treno! La maggiore lentezza da Catanzaro a Lamezia, verrebbe quindi recuperata sulla tratta costiera.

Ecco in basso qualche esempio di piccola variante al tracciato attuale del tratto Settingiano - Lamezia Terme Centrale, utile per recuperare preziosi minuti: in rosso è evidenziato il percorso originario, in giallo quello della variante. Specifichiamo che non si tratta di proposte da considerare immediatamente realizzabili, in quanto ovviamente, prima di procedere a simili interventi semplicissimi da realizzare su una mappa, sono necessari numerosi rilievi ed analisi geotecniche di vario tipo, che non è scontato che diano esiti positivi...

All'uscita lato tirrenico della stazione di Marcellinara: le sicuramente paesaggistiche...ma lente curve e controcurve, possono essere sostituite da un unico viadotto in rettilineo.
Altra variante potrebbe essere costruita poco prima del PM di Feroleto Antico - Pianopoli,  partendo dall'uscita della Galleria Montecavaliere.
Variante decisamente più lunga tra Feroleto Antico e Lamezia Terme Nicastro.
Ma se della possibile elettrificazione della Catanzaro Lido - Lamezia Terme Centrale se ne discute ormai da circa un anno con solide basi di veridicità, la vera novità quasi inaspettata riguarda l'intera ferrovia Jonica in trazione diesel, da Sibari fino a Melito di Porto Salvo! Dallo scorso 2 luglio sono infatti in corso alcuni sopralluoghi effettuati da Italferr (società di progettazione facente capo ad RFI), all'interno delle varie gallerie poste lungo la tratta in questione. La finalità di queste analisi riguarda proprio lo studio di fattibilità relativo all'elettrificazione dei 320 km che separano i due "terminali" del 3000 volt Jonico, che potrebbe risultare appunto problematica in alcune gallerie, rendendo necessario un abbassamento del piano del ferro all'interno delle stesse, per permettere il passaggio della catenaria. 
Facciamo notare che interventi di questo tipo fino ad ora non sono mai stati effettuati sulla nostra linea, e la conclusione dello studio è fissata per la fine di questo mese. Le indiscrezioni, provenienti da fonti comunque autorevoli, confermano addirittura un rapido inizio dei lavori per la messa sotto tensione, che non dovrebbero durare circa due anni, il tutto finanziato direttamente da Rete Ferroviaria Italiana. 
Potrebbe quindi essere davvero la volta buona, dopo un'attesa durata quasi 30 anni: ovviamente, visti i precedenti, conviene crederci sì, ma fino ad un certo punto...quel punto di conferma definitiva e pubblica, che speriamo possa arrivare presto.
In un post specifico pubblicheremo alcune nostre proposte di riorganizzazione del servizio, in un'ipotetica Jonica completamente elettrificata: al di là delle proposte in sè, però, riteniamo sia imprescindibile, a questo punto, un serio investimento da parte della Regione Calabria, nell'acquisto di nuovo materiale rotabile elettrico (cinque complessi Meridian, i nuovi treni Regionali a cinque casse di Trenitalia derivati dal Minuetto, sembrano per fortuna già predestinati alla DTR Calabria). Sarebbe estremamente deplorevole buttare al vento un vero e proprio regalo che potrebbe ricevere, quasi inaspettatamente, il nostro territorio...continuando a far circolare singole automotrici ALn668, su 472 km di futura ferrovia totalmente elettrificata, posti tra Reggio Calabria Centrale e Taranto!
L'attuale terminale sud della trazione elettrica, posto all'uscita della stazione di Melito di Porto Salvo lato Roccella Jonica.

La Galleria di Soverato potrebbe essere una delle opere d'arte a dare qualche noia in un'eventuale elettrificazione, a causa della probabilmente non adeguata altezza della volta.

2 commenti:

Fdc ha detto...

un tracciato con delle varianti evidenziate da voi è quello che serve per un deciso abbattimento dei tempi e anche per aver un tracciato più lineare

Admin ha detto...

Già!! Speriamo venga presa in considerazione qualcosa del genere, perchè in caso contrario un'eventuale elettrificazione porterebbe vantaggi assolutamente minimi!

 
Il primo blog dedicato al trasporto ferroviario in Calabria...by Roberto Galati...email - msn: exp826@hotmail.it