I contenuti di Ferrovie in Calabria sono a disposizione di tutti, ma a condizione che, se sfruttati, siano accompagnati dall'indicazione della fonte (blog o autore dei testi/fotografie). Tutto il materiale ivi pubblicato è protetto da Copyright, perciò per evitare situazioni incresciose vi preghiamo di seguire questa piccola regola. Buon Viaggio!

• 14/10/14 • La mancanza di energia per l'alimentazione elettrica, sulla linea Paola - Cosenza, causa l'arresto improvviso di un treno nella galleria Santomarco: si è trattato della simulazione di criticità, tenutasi stanotte all'interno della lunga galleria posta sulla ferrovia Paola - Cosenza. Qui la news di ANSA Calabria • 13/10/14 • Trenitalia: a partire dal 15 ottobre verrà ripristinato il treno Regionale 22664 Reggio Calabria Centrale (11.30) - Rosarno (12.50), mentre verrà soppresso, solo nella giornata del 15 ottobre, il Regionale 22653/22654 Melito PS (6.45) - Rosarno (8.45). Qui il comunicato di Fsnewss • 04/10/14 • Si è tenuto nella giornata del 2 ottobre, l'open day alla stazione RFI di Fuscaldo, i cui ambienti non più utili ai fini dell'esercizio ferroviario, sono stati assegnati alla locale cooperativa agricola "Il Segno": prosegue quindi anche in Calabria, il programma di Rete Ferroviaria Italiana che prevede il recupero e l'affidamento a fini sociali delle stazioni parzialmente o totalmente dismesse. Qui la news • 29/09/14 • Si terra alla stazione RFI di Bova Marina, giorno 9 ottobre, un nuovo sit-in di protesta contro il declassamento della ferrovia Jonica. Clicca qui per aderire all'evento su facebook • 22/09/14 • Taglio delle stazioni sulla ferrovia Jonica: l'assessore regionale ai trasporti Luigi Fedele, scrive ad RFI per chiedere rassicurazioni sul progetto di ridimensionamento, in vista di una riorganizzazione dell'orario regionale lungo la linea Jonica. Qui il comunicato • 13/09/14 • Pubblicati sulla nostra pagina gli orari dei servizi ferroviari Ferrovie della Calabria previsti a partire dal prossimo 15.09.2014. Vedi qui • 12/09/14 • Il fabbricato viaggiatori della ormai dismessa fermata di Curinga (posta sulla linea Tirrenica tra Lamezia Terme ed Eccellente), è stato ufficialmente attribuito da RFI, ad uso gratuito del Comune. Qui la delibera del consiglio comunale • 09/09/14 • Domani, 10.09.2014, il candidato per le Regionali con il Centrosinistra Oliverio si recherà nella stazione delle Ferrovie della Calabria di Soveria Mannelli, dalla quale partirà alla volta di Catanzaro a bordo del treno 17 delle 10.25. Arrivato a Catanzaro incontrerà a via Milano i lavoratori e sindacalisti delle FC e dell'AMC di Catanzaro. Leggi qui

02 feb 2013

Lamezia Terme Centrale - Catanzaro Lido e ponti provvisori: quasi una "maledizione"...

Dopo quasi due mesi di totale assenza di novità, abbiamo deciso di rompere il silenzio: ci siamo così recati a verificare sul posto lo stato dei lavori di ricostruzione dell'ormai tristemente famoso ponte tra Marcellinara e Feroleto Antico, sulla linea Catanzaro Lido - Lamezia Terme Centrale, crollato il 22 novembre 2011 a causa dell'ingrossamento del torrente sottostante, e che ha provocato anche il deragliamento di un'ALn668 in servizio Regionale, fortunatamente transitata qualche istante prima del cedimento strutturale. Il 23 novembre scorso pubblicavamo un post commemorativo del disastroso evento, aggiornandovi sugli sviluppi della ricostruzione dell'opera. In quei giorni, però, nessuno poteva ancora immaginare di quale tipologia sarebbe stato il nuovo ponte sostitutivo: di certo, però, mai avremmo pensato che proprio su questa tratta, dopo 40 anni, si sarebbe ripetuta la stessa storia e quindi lo stesso errore. Il "nuovo" ponte non sarà altro che una struttura di tipo provvisorio, analoga a quella presente (realizzata addirittura nel 1975, anche in questo caso a seguito di alluvione e crollo di parte del viadotto originario in muratura) sulla vecchia tratta dismessa nei pressi della ex-fermata di Caraffa - Sarrottino, che a causa del consistente rallentamento prescritto ai convogli, oltre ad instabilità strutturale negli ultimi anni, contribuì all'abbandono del vecchio percorso via Catanzaro Sala (con tutte le dovute ricadute negative ormai ben note)...in favore di una variante fondamentalmente inutile sia alla città di Catanzaro a causa dell'abnorme distanza dal centro abitato, e sia allo stesso servizio ferroviario della Jonica, e per di più costruita con cemento depotenziato. Unica avvantaggiata dal nuovo innesto lato sud a Catanzaro Lido, sarebbe stata la Jonica Nord, visto e considerato che eventuali treni da Sibari e Crotone, avrebbero potuto raggiungere Lamezia Terme senza dover invertire il locomotore (o effettuare cambio banco per le automotrici): paradossalmente si ebbe un solo collegamento del genere, originario da Crotone, mal realizzato ed assente in senso opposto, da Lamezia Terme Centrale alla città pitagorica. Certo, quando nel 2008 venne inaugurata la variante, vennero tanto decantati i 15 minuti di percorrenza risparmiati rispetto alla linea via S.Maria di Catanzaro - Catanzaro Sala, foriera di rallentamenti nella galleria del Sansinato e sul ponte provvisorio a Caraffa, dove era previsto un rallentamento a 30 km/h per le automotrici e le D445 di prima serie, ed addirittura a 10 km/h per le D445 di II e III serie. 
Ebbene sì: quando il 15 giugno di quest'anno si compiranno i primi 5 anni di esercizio della nuova tratta via Germaneto, potremo dire che oltre al cemento depotenziato e la cattedrale nel deserto, anche i famosi 15 minuti di percorrenza risparmiati saranno un lontano e quasi ridicolo ricordo, proprio a causa di questo nuovo ponte provvisorio, che ripristinerà a pochi chilometri di distanza la stessa situazione presente a Caraffa fino al 14 giugno 2008! Una scelta così vergognosa ed insensata, da risultare quasi ridicola, senza contare l'assurdità di aver dovuto attendere quasi due anni per ricostruire un semplicissimo ponte a travata metallica, sorretto da tre pile dello stesso materiale. Per lo meno nel 1975, crollato il vecchio viadotto, la struttura provvisoria (se così possiamo definirla, visto e considerato che ha "prestato servizio" per 38 anni...) venne installata immediatamente! Dopo tutta questa attesa, mese più o mese meno, sarebbe stato così dispendioso e controproducente costruire una struttura fissa, definitiva e durevole? Decisamente riteniamo che dietro questa scelta ci sia un linea di pensiero che potrebbe portare a tre opzioni: chiusura della tratta con la scusa degli alti tempi di percorrenza, del ponte pericolante (per la seconda volta) e quindi della scarsa frequentazione, oppure costruzione di una seconda variante, proseguimento di quella già esistente, che da Settingiano prosegua fino a Lamezia Terme Centrale, innestandosi alla Tirrenica dal lato Sud rispetto alla linea attuale, come da qualche anno si vocifera. Un ulteriore spreco, che tra l'altro taglierebbe fuori il bacino d'utenza di Nicastro e Sambiase, ed i loro popolosi hinterland. Terza opzione, quella "anni 70": il ponte provvisorio lo rimarrà per altri 40 anni, con rallentamento che diventerà la norma, proprio come il suo simile di Caraffa - Sarrottino...e forse soltanto dopo decenni, qualcuno deciderà di avviare la costruzione di una struttura fissa, o della tanto famosa variante.
Ovviamente tutte e tre le possibilità portano ad un'unica conclusione: vergogna!
Vedremo nei prossimi mesi se i nostri pronostici saranno azzeccati, anche se in verità, purtroppo, non ci sono molte altre alternative: nel giro di un mese circa, visto lo stato abbastanza avanzato dei lavori, l'opera dovrebbe essere completata, portando al ripristino di un magrissimo servizio Regionale tra Catanzaro Lido e Lamezia Terme Centrale...con "ben" 7 coppie di treni al giorno espletati da una stessa singola ALn668, ovvero una corsa ogni due ore nei due sensi. Non saranno presenti incroci lungo la linea, che a questo punto viene letteralmente esercita a spola.
E pensare che soli sette anni fa si arrivò a punte di un collegamento ogni 30 minuti (senza variante...), oltre ai due InterCity Notte da/per Torino e Milano ed all'Espresso da/per Roma Termini...e ci si lamentava pure!
Un ultima nota prima di chiudere il post: la gara d'appalto per la ricostruzione è stata assegnata per la cifra di 1.210.410,29 €. Probabilmente ci sbaglieremo, ma appaiono forse un po' troppi per realizzare solo tre pile metalliche, posare una travata ed effettuare qualche sistemazione del rilevato ferroviario e dell'alveo del torrente...

Vista della pila metallica lato Catanzaro Lido e di quella centrale...

...ancora pila centrale e quella lato Lamezia. Notare il muraglione di sostenimento del terreno, con blocchi in cemento sovrapposti.












Vista dal "tronco" lato Catanzaro Lido: il nuovo ponte si trova spostato di alcuni metri rispetto alla struttura originaria. Si nota infatti la vecchia sede ferroviaria sulla sinistra.













Pila lato Catanzaro Lido: notare la struttura in cemento di protezione, curvata in modo che acqua e detriti vengano incanalati verso il centro del letto del torrente, evitando così l'erosione della scarpata ferroviaria.




Galleria Cancello, lato Catanzaro Lido: sullo sfondo la ripida salita verso Marcellinara...













Ed ecco il "fratello" del nostro ponte provvisorio, posto sulla vecchia tratta via Catanzaro Sala, nei pressi di Caraffa: anche in questo si tratta di tre pile, costruite con la stessa identica struttura di quello di Marcellinara! Fotografia satellitare ormai storica, acquisita guarda caso durante il transito di uno dei due InterCity Notte da Torino Porta Nuova o da Milano Centrale!












































Il poverissimo servizio Regionale che verrà ripristinato una volta consegnato il  "nuovo" ponte, con sole 7 coppie di treni al giorno. Spariscono i due Catanzaro Lido - Rosarno via Tropea.

5 commenti:

giosafat ha detto...

Raga, posto le foto su Skyscrapercity, e ovviamente rimando al link con l'intero articolo ;-)

Admin ha detto...

Tutto quello che vuoi Giosafat!!! L'avremmo fatto noi molto volentieri, ma purtroppo tra un sito e l'altro ed impegni vari, non riusciamo ad essere presenti ovunque e costantemente...
Quando ritieni che uno degli articoli possa interessare, rileva pure tutto per intero, senza problemi!!
Ciaooo

giosafat ha detto...

d'accordo, grazie ;-)

Anonimo ha detto...

Povera CALABRIA a che mani e capitata, come cogliamo chiamarliincapaci di pensare ho altro, un esempio veritiero: prendiamo la ionica, specie lato CROTONE, dove io risiedo. FERROVIA AZZERATA, era in vita laeroporto, adesso azzerato pure quello, e le persone come si sposta? in autobus, si nienta da rire, pero a me personalmente non mi va a fare diciamo mille chilometri seduto in quel posticino. le persone non si devono costringere a prendere a forza quel mezzo, deve poter scegliere con che mezzo viaggiare, sembra una dittatura. un saluto a tutti, admin, roberto e a tutti glialtri.

Antonio ha detto...

Un po' di attenzione nel leggere gli articoli, giosafat. Il commento postato su Skyscrapercity (al link http://www.skyscrapercity.com/showthread.php?t=1103721) è completamente fuorviante e contiene delle notizie false. Il ponte crollato a Marcellinara nel 2011 non era un ponte provvisorio, così come ben documentato e descritto anche nell'articolo di Ferrovie in Calabria che, aldilà del legittimo diritto personale di critica, fornisce informazioni corrette.

 
Il primo blog dedicato al trasporto ferroviario in Calabria...by Roberto Galati...email - msn: exp826@hotmail.it