I contenuti di Ferrovie in Calabria sono a disposizione di tutti, ma a condizione che, se sfruttati, siano accompagnati dall'indicazione della fonte (blog o autore dei testi/fotografie). Tutto il materiale ivi pubblicato è protetto da Copyright, perciò per evitare situazioni incresciose vi preghiamo di seguire questa piccola regola. Buon Viaggio!

• 14/10/14 • La mancanza di energia per l'alimentazione elettrica, sulla linea Paola - Cosenza, causa l'arresto improvviso di un treno nella galleria Santomarco: si è trattato della simulazione di criticità, tenutasi stanotte all'interno della lunga galleria posta sulla ferrovia Paola - Cosenza. Qui la news di ANSA Calabria • 13/10/14 • Trenitalia: a partire dal 15 ottobre verrà ripristinato il treno Regionale 22664 Reggio Calabria Centrale (11.30) - Rosarno (12.50), mentre verrà soppresso, solo nella giornata del 15 ottobre, il Regionale 22653/22654 Melito PS (6.45) - Rosarno (8.45). Qui il comunicato di Fsnewss • 04/10/14 • Si è tenuto nella giornata del 2 ottobre, l'open day alla stazione RFI di Fuscaldo, i cui ambienti non più utili ai fini dell'esercizio ferroviario, sono stati assegnati alla locale cooperativa agricola "Il Segno": prosegue quindi anche in Calabria, il programma di Rete Ferroviaria Italiana che prevede il recupero e l'affidamento a fini sociali delle stazioni parzialmente o totalmente dismesse. Qui la news • 29/09/14 • Si terra alla stazione RFI di Bova Marina, giorno 9 ottobre, un nuovo sit-in di protesta contro il declassamento della ferrovia Jonica. Clicca qui per aderire all'evento su facebook • 22/09/14 • Taglio delle stazioni sulla ferrovia Jonica: l'assessore regionale ai trasporti Luigi Fedele, scrive ad RFI per chiedere rassicurazioni sul progetto di ridimensionamento, in vista di una riorganizzazione dell'orario regionale lungo la linea Jonica. Qui il comunicato • 13/09/14 • Pubblicati sulla nostra pagina gli orari dei servizi ferroviari Ferrovie della Calabria previsti a partire dal prossimo 15.09.2014. Vedi qui • 12/09/14 • Il fabbricato viaggiatori della ormai dismessa fermata di Curinga (posta sulla linea Tirrenica tra Lamezia Terme ed Eccellente), è stato ufficialmente attribuito da RFI, ad uso gratuito del Comune. Qui la delibera del consiglio comunale • 09/09/14 • Domani, 10.09.2014, il candidato per le Regionali con il Centrosinistra Oliverio si recherà nella stazione delle Ferrovie della Calabria di Soveria Mannelli, dalla quale partirà alla volta di Catanzaro a bordo del treno 17 delle 10.25. Arrivato a Catanzaro incontrerà a via Milano i lavoratori e sindacalisti delle FC e dell'AMC di Catanzaro. Leggi qui

14 gen 2013

Treni notte: un po' di luce su carrozze e servizi! (2)

Dopo aver analizzato le varie tipologie di vettura letto e relativi servizi , spostiamoci ora sui "posti orizzontali" di livello inferiore: ci riferiamo alle conosciutissime e molto spesso amate/odiate cuccette!

Questo tipo di sistemazione nasce alla fine degli anni '50, attraverso la trasformazione di alcune vetture tipo 1937 con posti a sedere, che sarebbero state appunto i prototipi delle cuccette, denominate "serie 1956", per consentire anche alle fasce di popolazione meno abbienti, di poter usufruire di un servizio un po' più comodo rispetto al posto a sedere, anche se di livello inferiore rispetto ai costosi vagoni letto. Il successo fu ovviamente immediato, specie se consideriamo che all'epoca il servizio di "posti a sedere" di seconda classe sui treni notturni poteva anche essere espletato con scomode vetture Centoporte, con sedili in legno! Le vetture prototipo furono inizialmente miste di prima e seconda classe, con 4 cuccette in prima classe e 6 in seconda.
A questi prototipi seguirono le prime cuccette serie 1957, le ben più numerose 1959, ed infine la lunga "dinastia" delle UIC-X, dalle serie 1968 fino alle più recenti 1982. Fino alla metà degli anni '90, l'unico servizio previsto continuò appunto ad essere quello di seconda classe, con 6 cuccette, e quello di prima classe, con 4. A livello di costi, si acquistava un normale biglietto di seconda o prima classe, con in più il supplemento per la prenotazione del posto in cuccetta.
Nel 1995 arriva la svolta: abbandonato il servizio di cuccetta di prima classe, svolto con vetture UIC-X e 1959 miste a cuccette, nasce la nuova tipologia di sistemazione: la T4 Comfort. Le vetture dedicate sono 230 unità di UIC-X originariamente di prima classe con posti a sedere, dalle più svariate serie, completamente ricostruite con nuovi e moderni interni, aria condizionata con finestrini fissi, e 4 cuccette per scompartimento: in un'epoca in cui circolavano ancora le vecchie cuccette 1959, alcune addirittura allo stato originario, sembrò di fare un salto nel futuro, e qualcuno azzardò addirittura a paragonare i loro interni a quelli di...un'astronave!
Inizialmente le "nuove" Cuccette Comfort vennero inserite in composizione agli Espressi 1940/1942, 1920/1921 e 1930/1931 che collegavano Palermo e Siracusa con Torino Porta Nuova, Milano Centrale e Venezia Santa Lucia, in affiancamento alle classiche cuccette da 6 posti e miste 4/6 posti, che nonostante la scomparsa del servizio cuccette di prima classe, continuarono a circolare: contemporaneamente, infatti, era stata istituita la cuccetta da 4 posti classica (denominata C4 per distinguerla appunto dalla T4 Comfort), con costo di poco superiore alla C6, ed ovviamente inferiore alla T4 Comfort. Un particolare: per l'espletamento del servizio C4, presente soltanto dove non previste in composizione le T4 Comfort, vennero utilizzate sia le ex cuccette miste di prima e seconda classe, e sia quelle di sola seconda classe, con l'apertura di sole 4 cuccette (solitamente le inferiori e le estreme superiori) in luogo di 6.

Dopo questa premessa, analizziamo a fondo le nostre T4 Comfort!

Esistono due tipologie di questa carrozza: una da nove scompartimenti (cioè il numero originario da vettura di prima classe con posti a sedere, meno uno dove si trova l'alloggiamento degli impianti di condizionamento), ed una da otto, dove il nono è sostituito con compartimento dell'accudiente. E' infatti previsto che tali vetture viaggino in coppia, ed un solo cuccettista si occupi del controllo dei biglietti, della preparazione dei letti, distribuzione giornali al mattino e bevande (dove previsto), su entrambe le vetture, che possono così ospitare un totale di 68 viaggiatori (32+36).
In realtà recentemente una vettura T4 Comfort può anche viaggiare accoppiata ad una carrozza letto, come avviene attualmente sugli ICN 784/785 Palermo/Siracusa - Villa San Giovanni - Milano Centrale, composti da una T4 Comfort, un WL T2s ed ulteriori due T4 Comfort per sezione, gestite da due accudienti: il primo assegnato alla carrozza letto ed alla prima T4 Comfort, ed il secondo alle altre due carrozze cuccette.
Oltre al 784/785, le T4 Comfort sono presenti anche sull'ICN 794/795 Reggio Calabria Centrale - Torino Porta Nuova, e sui due ICN Palermo/Siracusa - Roma Termini: ad oggi si tratta dell'unico servizio cuccette previsto da Trenitalia, dopo la soppressione di quello da 6 posti e da 4 tradizionale, presente soltanto sui due EuroNight Roma Termini/Venezia Santa Lucia - Parigi. E' previsto il mantenimento in servizio della totalità delle T4 Comfort, con applicazione dei sistemi di lateralizzazione porte a tutte le unità.

Ricordi dalla Jonica: l'ICN 763 Torino Porta Nuova - Reggio Calabria Centrale via Catanzaro Lido - Roccella Jonica, in partenza da Soverato. In testa due vetture T4 Comfort, eccezionalmente entrambe da 9 scompartimenti + comparto accudiente, riconoscibili per la mancanza di un finestrino di fianco la ritirata.

Manovre a Villa San Giovanni: negli ultimi giorni di effettuazione, l'Exp 1943 Torino Porta Nuova - Palermo/Siracusa ex "Treno del Sole", con la sua composizione omogenea di carrozze Treno Notte Comfort, sta per essere imbarcato sul traghetto, per proseguire il suo viaggio in terra sicula...
















Interno vettura T4 Comfort in posizione giorno, e tavolinetto richiudibile all'interno dello schienale del posto a sedere centrale...

...ed in posizione notte, con letti già pronti...all'uso!



















































                                                                                                Passiamo ora alle ormai storiche, ma ancora validissime, UIC-X a cuccette C6 di seconda classe, costruite in ben 647 unità (!!), dal 1969 al 1984. Come anticipato, al momento su nessun treno notturno nazionale (i pochi sopravvissuti...) questo servizio è previsto dal dicembre 2010. Nonostante ciò, le centinaia di "C6", in parte ristrutturate a fondo con nuovi interni, aria condizionata e finestrini fissi, continuano a circolare sia sui due collegamenti notturni tra Roma, Venezia e Parigi (dove il servizio è denominato T6 e T4 NON Comfort ovviamente), sia sui treni UNITALSI da/per Lourdes...e sia sui notturni nazionali con sole 4 cuccette in posizione notte, in caso di carenza di T4 Comfort...
Al momento, se per le numerose C6 rinnovate a fondo il futuro sembra discretamente roseo grazie all'applicazione dei sistemi di lateralizzazione, fosche nubi si addensano invece sulle unità ancora allo stato originario, o che comunque hanno subito interventi di revamping di poco rilievo...e che rappresentano la maggioranza delle vetture! Al momento è ancora un'incognita anche il destino delle unità destinate ai servizi per pellegrini, anche se per queste ultime sembra imminente l'avvio dei lavori di adeguamento alle nuove norme per il mantenimento in servizio. Il numero di scompartimenti per ogni vettura è di undici, per un totale di 66 posti orizzontali e seduti.

Tre vetture UIC-X C6, di cui due ristrutturate con finestrini fissi e aria condizionata, in composizione all'ormai soppresso ICN 782 Reggio Calabria Centrale - Milano Centrale via Jonica - Adriatica...

...e sempre a Reggio Calabria Centrale, sopravvive questo "reperto archeologico": si tratta di una delle ultime UIC-X a cuccette serie 1968, ormai accantonate da qualche anno e demolite per il 90%. Sarebbe interessante una preservazione di questa unità come rotabile storico.

Numerose UIC-X a cuccette destinate ai treni UNITALSI per pellegrini, sono state ristrutturate , mantenendo però gli arredi ed i finestrini originali, con l'applicazione di immagini religiose. In realtà molto spesso queste carrozze venivano utilizzate anche in composizione ai treni notturni ordinari...

Carrozza UIC-X a cuccette, con la cuccetta mediana derivante dallo schienale in posizione giorno, quasi allo stato originario, rinnovata soltanto per quanto riguarda i tessuti. 

Una vera rarità invece questa vettura, che ancora circolava a dicembre 2010, con interni completamente vintage!

Ristrutturazione invece totale, con nuovi sedili e cuccette,  per questa  unità, ancora però dotata nel 2007 di finestrini apribili.





































































































Un breve cenno lo meritano ovviamente le 47 UIC-X a cuccette miste di prima e seconda classe, nominate più volte in questo post: utilizzate regolarmente fino al 2004, probabilmente nessuna di queste carrozze è sopravvissuta alla demolizione, dopo gli ultimi servizi nel 2006. Nel febbraio 2011 una di queste unità si trovava accantonata a Sibari, in attesa di essere inviata alla Bilfinger di Bari, per decoibentazione ed in seguito demolizione. Un vero peccato che non sia stato preservato neppure un esemplare di questa piccola serie, costruita in parte nel 1971/1972 ed in parte nel 1976/1977. Per ogni carrozza erano presenti dieci scompartimenti, sei di seconda classe dotati di sei cuccette, e quattro di prima dotati di 4 posti, per un totale di 52 posti orizzontali.


UIC-X AcBc accantonata a Sibari.














                            Prossimo appuntamento con l'ancor più variegato panorama delle carrozze con posti a sedere...continuate a seguirci!

Nessun commento:

 
Il primo blog dedicato al trasporto ferroviario in Calabria...by Roberto Galati...email - msn: exp826@hotmail.it